Log In Iscriviti
L'app all-in-one per gli studenti
4.8 • +11K recensioni
Più di 3 milioni di downloads
Free
|
|

All-in-one learning app

  • Flashcards
  • NotesNotes
  • ExplanationsExplanations
  • Study Planner
  • Textbook solutions
Start studying

Metalli di transizione

Che cosa significa per te la parola "transizione"? Deriva dal latino transientum, che significa "passaggio", e implica un passaggio da un luogo a un altro.

Ecco cosa sono i metalli di transizione: un gruppo di elementi che colmano il divario tra due lati della tavola periodica. In questo articolo ci immergeremo nel meraviglioso mondo di questi metalli.

  • Questo articolo è un'introduzione ai metalli di transizione nella chimica inorganica.
  • Inizieremo definendo i metalli di transizione.
  • Poi vedremo la loro posizione nella tavola periodica.
  • Esamineremo le loro proprietà generali.
  • Infine, esploreremo alcuni dei loro usi e applicazioni.

Cosa sono i metalli di transizione?

Gli scienziati a volte non sono d'accordo sull'esatta classificazione dei metalli di transizione. In effetti, esistono definizioni diverse.

Ma per il momento è necessario sapere quanto segue:

I metalli di transizione sono elementi che formano almeno uno ione stabile con un sottoguscio d parzialmente riempito di elettroni.

Si potrebbe pensare che questa definizione comprenda tutti gli elementi del blocco d della tavola periodica, ma in realtà non è così. Infatti, non tutti gli elementi del blocco d formano ioni stabili con sottogusci d incompleti. Esempi di elementi del blocco d che non sono metalli di transizione sono lo scandio (Sc) e lo zinco (Zn). Vedremo più avanti il perché.

I metalli di transizione sono rappresentati nella tavola periodica qui sotto. Qui sono evidenziati in blu.

Metalli di transizione Tavola periodica StudySmarter

Figura 1. Tavola periodica degli elementi con evidenziati i metalli di transizione.

La IUPAC (Unione Internazionale di Chimica Pura e Applicata) ha una definizione leggermente diversa di metallo di transizione. Concordano sul fatto che un metallo di transizione sia un elemento che forma almeno uno ione stabile con un sottoguscio d parzialmente riempito di elettroni, ma dicono anche che i metalli di transizione possono essere elementi i cui atomi hanno una sottoguscio d parzialmente riempito. Questa definizione significa che lo scandio e lo zinco sono di fatto metalli di transizione.

Si possono anche vedere i lantanidi, elementi con numero atomico 57-71, e gli attinidi, con numero atomico 89-103, definiti metalli di transizione interni. Per questo articolo, però, ci atterremo alla prima definizione che abbiamo appreso: solo gli elementi evidenziati in blu qui sopra.

Metalli di transizione nella tavola periodica

Come abbiamo mostrato sopra, i metalli di transizione si trovano al centro del blocco d della tavola periodica.

Il blocco d è una sezione della tavola periodica. Il sottoguscio a più alta energia che si trova negli elementi del blocco d è sempre un sottoguscio d. Il blocco d si trova tra il blocco s e il blocco p e costituisce un collegamento tra i due.

Più precisamente, i metalli di transizione si trovano nei gruppi 3-12 e nei periodi 4-7, ma questo non è importante: tutto ciò che conta è che si possano trovare nella tavola periodica.

Configurazione elettronica dei metalli di transizione

Inizieremo con la loro configurazione elettronica come atomi, per poi vedere come questa cambia quando si formano gli ioni. Questo ci aiuterà anche a spiegare perché alcuni membri del blocco d non sono classificati come metalli di transizione.

Questa sezione probabilmente non avrà molto senso se non si è letto Gusci di elettroni e Configurazione degli elettroni. Si consiglia di leggerli prima per imparare le basi dei gusci di elettroni, dei sottogusci, degli orbitali e delle regole di riempimento.

Configurazione elettronica degli elementi di transizione

Come abbiamo detto, tutti i metalli di transizione si trovano nel blocco d della tavola periodica. Ciò significa che i loro elettroni di valenza si trovano tutti in un sottoguscio d.

Occorre ricordare che gli elettroni si trovano in gusci. Questi sono suddivisi in sottogusci. Esistono quattro tipi diversi di sottogusci di elettroni: i sottogusci s-, p-, d- e f-. La posizione di un elemento nella tavola periodica indica il sottoguscio di massima energia in cui si trovano i suoi elettroni. Il sottoguscio a più alta energia che si trova negli elementi del blocco p, ad esempio, è un sottoguscio p.

Man mano che ci si sposta nel periodo della tavola periodica, ogni metallo di transizione ha un elettrone in più rispetto a quello precedente. Questi elettroni riempiono gradualmente il sottoguscio d, ma ci sono alcune eccezioni. Diamo un'occhiata più da vicino, usando come esempio la prima fila di metalli di transizione (periodo 4). Di seguito abbiamo evidenziato il periodo.

Metalli di transizione Tavola periodica elementi StudySmarterFigura 2. Tavola periodica con evidenziato il Periodo 4.

Diamo un'occhiata alle loro configurazioni elettroniche. Come nella tavola periodica, abbiamo evidenziato i metalli di transizione.

Metalli di transizione Blocco d e s StudySmarterFigura 3. La configurazione elettronica del periodo 4.

I primi due elementi del periodo 4, il potassio (K) e il calcio (Ca), si trovano nel blocco s. I loro elettroni di valenza si trovano nel guscio secondario 4s e i loro gusci secondari 3d sono vuoti.

Ricorda che i sottogusci si riempiono in un certo ordine, dall'energia più bassa a quella più alta. Di solito segue lo schema dal numero più basso al numero più alto. Ad esempio, 2s si riempie prima di 3s. Tuttavia, 3d è un'anomalia: ha un'energia leggermente superiore a 4s e quindi si riempie dopo 4s. Questo è solo un altro esempio di una fastidiosa eccezione alle regole che devi imparare!

I 10 elementi successivi sono elementi del blocco d. Man mano che si procede nel periodo, gli elettroni vengono aggiunti al sottoguscio interno 3d, uno alla volta. Ad esempio, lo scandio (Sc) ha 21 elettroni e ha un solo elettrone nel suo sottoguscio 3d, il che gli conferisce la configurazione elettronica di [Ar] 3d1 4s2, mentre il titanio ha 22 elettroni e ha due elettroni nella sua sottoguscia 3d. Ciò gli conferisce la configurazione elettronica di [Ar] 3d2 4s2.

Ma, come abbiamo detto, questo schema di riempimento è bruscamente interrotto da due elementi: il cromo (Cr) e il rame (Cu). Entrambi hanno sottogusci 4s parzialmente riempiti. Perché questo fenomeno?

È perché i sottogusci 4s e 3d hanno livelli energetici molto simili. Poiché l'elettrone nel guscio secondario 4s non è accoppiato, non subisce alcuna repulsione elettrone-elettrone. Questo abbassa il suo stato energetico e compensa l'elettrone in più nel guscio secondario 3d, che ha un'energia leggermente superiore. Gli elettroni preferiscono trovarsi nello stato energetico più basso possibile. Si ritiene inoltre che avere un semiguscio 3d pieno, come nel caso del cromo, o un semiguscio 3d completamente pieno, nel caso del rame, aiuti a stabilizzare l'atomo.

Metalli di transizione differenza tra sottogusci attesi e osservati in Cr e Cu StudySmarterFigura 4. Configurazioni elettroniche previste e osservate di cromo e rame.

Configurazione elettronica dei metalli di transizione

Tutti i metalli di transizione formano cationi positivi perdendo elettroni.

Si ricorderà dalla Configurazione degli elettroni che, sebbene il sottogruppo 3d sia di livello energetico leggermente superiore al sottogruppo 4s, gli atomi perdono prima gli elettroni del sottogruppo 4s. Ciò significa che tutti i metalli di transizione hanno perso gli elettroni 4s prima degli elettroni 3d.

Prendiamo ad esempio il ferro (Fe). Forma comunemente ioni con cariche di 2+ o 3+. Il ferro ha la configurazione elettronica di [Ar] 3d6 4s2. Quando si forma uno ione 2+, esso perde innanzitutto i suoi elettroni 4s, assumendo la configurazione elettronica di [Ar] 3d6 4s0. Per formare uno ione 3+, deve perdere un altro elettrone. Poiché il sottogruppo 4s è ora vuoto, questo elettrone viene perso dal sottogruppo 3d, dando allo ione la configurazione elettronica di [Ar] 3d5 4s0.

Metalli di transizione configurazione elettronica del ferro StudySmarterFigura 5. La configurazione elettronica del ferro, del ferro(II) e del ferro(III).

Perché gli elementi del blocco d non sono tutti metalli di transizione?

Questo perché non tutti formano ioni stabili con sottogusci d incompleti. Ad esempio, lo scandio (Sc) forma solo ioni 3+ in tutti i suoi composti, il che gli conferisce la configurazione elettronica di [Ar] 3d0 4s0. Il suo sottoguscio 3d è completamente vuoto, quindi non è un metallo di transizione. Allo stesso modo, lo zinco (Zn) forma solo ioni 2+ in tutti i suoi composti. Questi ioni hanno la configurazione elettronica di [Ar] 3d10 4s0. Il suo sottoguscio 3d è completamente pieno, quindi non è un metallo di transizione.

Proprietà dei metalli di transizione

I metalli di transizione hanno proprietà simili. Sono buoni conduttori di calore ed elettricità, sono duri e resistenti e hanno punti di fusione e di ebollizione elevati. Rispetto ai metalli del gruppo 1 e 2, sono anche relativamente poco reattivi. Questo li rende estremamente utili, ma ne parleremo nella prossima sezione. Per ora, analizziamo alcune delle loro altre proprietà caratteristiche. Ce ne sono quattro in particolare che è necessario conoscere quando si parla di metalli di transizione:

  1. I metalli di transizione formano ioni con più stati di ossidazione. Abbiamo già visto che il ferro forma ioni 2+ e 3+.
  2. Formano ioni complessi. Gli ioni complessi sono ioni legati ad altri ioni o molecole, detti ligandi, mediante legami covalenti dativi.
  3. Formano composti colorati. Ad esempio, il rame forma spesso soluzioni blu.
  4. Sono buoni catalizzatori, ovvero sostanze che aumentano la velocità di una reazione chimica senza essere consumate nel processo.

Esploreremo in dettaglio queste proprietà in Proprietà dei metalli di transizione.

Usi dei metalli di transizione

Grazie alle loro proprietà, i metalli di transizione hanno un'ampia varietà di usi. Li troviamo nell'elettronica, nei materiali da costruzione e in molti altri settori. Ecco alcune delle loro applicazioni più comuni:

  • L'alluminio è leggero e non tossico, quindi viene utilizzato non solo per la produzione di pezzi di automobili e aerei, ma anche per la fabbricazione di lattine e fogli per avvolgere gli alimenti.

  • Il ferro è utilizzato nei materiali da costruzione, ad esempio nei ponti, nelle navi e nelle strutture degli edifici. Ciò è dovuto alla sua elevata resistenza e al suo basso costo. Il ferro rappresenta infatti il 90% della produzione mondiale di metalli.

  • Il rame è utilizzato nei cavi elettrici grazie alla sua buona conducibilità elettrica.

  • Il titanio in polvere si trova nell'industria pirotecnica, ad esempio nei fuochi d'artificio, perché produce particelle luminose.

  • Il tungsteno è utilizzato nei filamenti delle lampadine e nei tubi a raggi X.

I metalli di transizione formano spesso leghe. Si tratta di composti formati da miscele di elementi, di cui almeno uno è un metallo. Le leghe sono generalmente più resistenti dei metalli puri. I metalli formano dei reticoli e nei metalli puri gli ioni metallici all'interno del reticolo sono tutti della stessa dimensione, quindi è facile che scivolino l'uno sull'altro.

Tuttavia, le leghe contengono ioni metallici di dimensioni diverse. Questi distorcono il reticolo e rendono più difficile lo scorrimento degli ioni gli uni sugli altri. Tra le leghe di metalli di transizione utili vi sono l'ottone (composto da rame e zinco), l'acciaio (composto da ferro e carbonio, un non metallo) e l'argento massiccio (composto da argento e un altro metallo, di solito rame).

Per ulteriori informazioni sui reticoli metallici, consultare la sezione Legami metallici.

Metalli di transizione - Punti chiave

  • I metalli di transizione sono elementi i cui atomi hanno un sottoguscio d parzialmente riempito o che formano almeno uno ione stabile con un sottoguscio d parzialmente riempito di elettroni.

  • I metalli di transizione si trovano nel blocco d della tavola periodica. Questo significa che il loro sottoguscio a più alta energia è sempre un sottoguscio d. Più precisamente, i metalli di transizione si trovano nei gruppi 3-12 e nei periodi 4-7.

  • I metalli di transizione si differenziano per il numero di elettroni presenti nei loro sottogusci d. Tuttavia, il rame e il cromo presentano configurazioni elettroniche leggermente diverse da quelle attese, a causa della somiglianza dei livelli energetici dei gusci 4s- e 3d.

  • Quando formano ioni, i metalli di transizione perdono gli elettroni 4s prima degli elettroni 3d.

    I metalli di transizione sono duri e resistenti, hanno punti di fusione e di ebollizione elevati e sono relativamente poco reattivi.

  • I metalli di transizione formano anche ioni con stati di ossidazione multipli, formano ioni complessi, producono composti colorati e agiscono come catalizzatori.

  • I metalli di transizione sono utilizzati come materiali da costruzione e in elettronica. Inoltre, formano molte leghe diverse.

Domande frequenti riguardo Metalli di transizione

I metalli di transizione sono buoni conduttori di calore ed elettricità, sono duri e resistenti e hanno punti di fusione e di ebollizione elevati. Rispetto ai metalli del gruppo 1 e 2, sono anche relativamente poco reattivi.  

Il primo metallo di transizione è il Titanio.

Gli elementi di transizione sono elementi che formano almeno uno ione stabile con un sottoguscio d parzialmente riempito di elettroni.


Si trovano nel blocco d della tavola periodica.

La valenza dei metalli di transizione dipende dal gruppo in cui si trovano.

Quiz Finale Metalli di transizione

Domanda

Il processo a contatto viene utilizzato per produrre quale sostanza chimica?


Visualizza la risposta

Risposta

Acido cloridrico

Visualizza la domanda

Domanda

Scrivete due equazioni per mostrare come l'ossido di vanadio (V) catalizzi la reazione tra anidride solforosa e ossigeno nel processo a contatto.

Visualizza la risposta

Risposta



SO2 + V2O5 ➔ SO3 + V2O4


V2O4 + ½O2 ➔ V2O5

Visualizza la domanda

Domanda

Scrivere due equazioni per mostrare come gli ioni Mn2+ autocatalizzano la reazione tra gli ioni manganato negativi (MnO4-) e gli ioni etanedioato negativi (5C2O42-).

Visualizza la risposta

Risposta

4Mn2+ (aq)  +  MnO4(aq) + 8H(aq)   →   5Mn3+ (aq)  + 4H2O (aq)


2Mn3+ (aq)  +  C2O42- (aq)  →  2CO2 (g) +  2Mn2+ (aq)


Visualizza la domanda

Domanda

Identificare le specie intermedie nel seguente ciclo redox:


2Fe3+ + 2I- ➔ 2Fe2+ + I2


S2O82- + 2Fe2+ ➔ 2SO42- + 2Fe3+

Visualizza la risposta

Risposta

Fe2+

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è l'autocatalisi?

Visualizza la risposta

Risposta

Si parla di autocatalisi quando un processo è catalizzato da uno dei prodotti di reazione.

Visualizza la domanda

Domanda

Come avviene la catalisi omogenea?

Visualizza la risposta

Risposta

Nella catalisi omogenea, la reazione procede attraverso una specie intermedia.

Visualizza la domanda

Domanda

Descrivete il ciclo redox dell'ossido di vanadio(V) che ha luogo nel processo a contatto.

Visualizza la risposta

Risposta

  • Fase 1: l'anidride solforosa si adsorbe sull'ossido di vanadio(V). Si verifica una reazione di ossidoriduzione quando il vanadio si riduce da +5 a +4. Il triossido di zolfo si desorbe.
  • Fase 2: un'altra reazione redox si verifica quando l'ossigeno reagisce sulla superficie del catalizzatore. L'ossido di vanadio(IV) viene ossidato nuovamente a +5. Il catalizzatore originale, V2O5, viene rigenerato. 

Visualizza la domanda

Domanda

Quale catalizzatore viene utilizzato nel processo di contatto?

Visualizza la risposta

Risposta

Palladio

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è un catalizzatore omogeneo?

Visualizza la risposta

Risposta

Un catalizzatore omogeneo si trova nella stessa fase dei reagenti.

Visualizza la domanda

Domanda

Quali sono le fasi della teoria dell'adsorbimento superficiale?

Visualizza la risposta

Risposta

  • Adsorbimento: i reagenti si attaccano ai siti attivi della superficie del catalizzatore.
  • Reazione: la reazione avviene mentre i reagenti sono attaccati ai siti attivi.
  • Desorbimento: i prodotti si staccano dalla superficie del catalizzatore.

Visualizza la domanda

Domanda

I processi Haber e a contatto sono esempi di quale tipo di catalisi?

Visualizza la risposta

Risposta

Catalisi eterogenea

Visualizza la domanda

Domanda

Quale catalizzatore viene utilizzato nel processo Haber-Bosch?

Visualizza la risposta

Risposta

Zinco

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è un catalizzatore eterogeneo?

Visualizza la risposta

Risposta

Un catalizzatore eterogeneo si trova in una fase diversa da quella dei reagenti. La reazione avviene nei siti attivi sulla superficie del catalizzatore

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è un catalizzatore?

Visualizza la risposta

Risposta

Un catalizzatore è una sostanza che aumenta la velocità di una reazione chimica senza comparire nei prodotti della reazione stessa.

Visualizza la domanda

Domanda

Quali sono le quattro geometrie che possono avere gli ioni complessi?

Visualizza la risposta

Risposta

1. Tetraedrica

2. Ottaedrica

3. Quadrato planare

4. Lineare

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è un legame di coordinazione?

Visualizza la risposta

Risposta

Un legame di coordinazione è un legame covalente in cui un atomo mette a disposizione una coppia di elettroni.

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è il numero di coordinazione di un composto di coordinazione?

Visualizza la risposta

Risposta

Il numero di coordinazione indica il numero di legami coordinativi in un composto di coordinazione.

Visualizza la domanda

Domanda

Quanti legami coordinativi hanno i complessi tetraedrici?

Visualizza la risposta

Risposta

6

Visualizza la domanda

Domanda

Quanti legami coordinativi formano i complessi ottaedrici?

Visualizza la risposta

Risposta

2

Visualizza la domanda

Domanda

Qual è l'angolo di legame dei complessi tetraedrici?

Visualizza la risposta

Risposta

90°

Visualizza la domanda

Domanda

Qual è l'angolo di legame dei complessi ottaedrici?

Visualizza la risposta

Risposta

180°

Visualizza la domanda

Domanda

Prevedere la geometria e l'angolo di legame dello ione complesso [RhCl4]2-.

Visualizza la risposta

Risposta

Forma: Tetraedrica

Angolo: 109.5°

Visualizza la domanda

Domanda

Cos'è un complesso?

Visualizza la risposta

Risposta

Uno complesso è una molecola che ha un atomo o ione metallico centrale che lega direttamente a se atomi o gruppi detti ligandi.

Visualizza la domanda

Domanda

La concentrazione di un acido influenza il pH? Perchè?

Visualizza la risposta

Risposta

Si. Maggiore è la concentrazione dell'acido, maggiore sarà la concentrazione di ioni H+ in soluzione all'equilibrio. Di conseuenza, la soluzione sarà più acida e il pH sarà più basso.

Visualizza la domanda

Domanda

Come si chiama il tipo di reazione che avviene tra un acido e l'acqua?

Visualizza la risposta

Risposta

Reazione di ionizzazione

Visualizza la domanda

Domanda

Qual è l'intervallo del pH?

Visualizza la risposta

Risposta

Da 0 (più acido) a 14 (più basico)

Visualizza la domanda

Domanda

Qual è il pH dell'acqua potabile?

Visualizza la risposta

Risposta

Circa 6.5-8.5

Visualizza la domanda

Domanda

Quando un acido si dissocia, dà un ione H+ e un anione. Come si chiama questo anione?

Visualizza la risposta

Risposta

La base coniugata di quell'acido

Visualizza la domanda

Domanda

Dove troviamo l'acido acetico (CH3COOH) nella nostra vita quotidiana?

Visualizza la risposta

Risposta

Aceto, fragole, mele, uva

Visualizza la domanda

Domanda

Che acido troviamo nei limoni e nelle arance?

Visualizza la risposta

Risposta

Acido citrico 

Visualizza la domanda

Domanda

I detersivi sono acidi o basici?

Visualizza la risposta

Risposta

Acidi

Visualizza la domanda

Domanda

Come viene chiamato un composto con pH inferiore a 7?

Visualizza la risposta

Risposta

Acido

Visualizza la domanda

Domanda

Come viene chiamato un composto con pH superiore a 7?

Visualizza la risposta

Risposta

Basico

Visualizza la domanda

Domanda

Quale dei seguenti NON è un nome per lo ione H+?

Visualizza la risposta

Risposta

Ione idrogeno

Visualizza la domanda

Domanda

Cos'è uno ione idronio (o idrossonio)?

Visualizza la risposta

Risposta

Lo ione idronio (H3O+) è una molecola d'acqua protonata

Visualizza la domanda

Domanda

La Ka dipende dalla concentrazione dell'acido?

Visualizza la risposta

Risposta

No, dipende dalla temperatura.

Visualizza la domanda

Domanda

Come si calcola il pH?

Visualizza la risposta

Risposta

pH= -log [H+]

Visualizza la domanda

Domanda

Quando si cerca di trovare la quantità di solfato di ferro (II) in una pastiglia di ferro, perché è necessario filtrare la soluzione dopo aver sciolto le pastiglie?

Visualizza la risposta

Risposta

Si filtra la soluzione perchè alcune pastiglie potrebbero avere una copertura esterna non solubile.

Visualizza la domanda

Domanda

Quale variazione di colore vi aspettate di vedere al termine di una titolazione tra manganato(VII) di potassio e Fe(II)?

Visualizza la risposta

Risposta

Da incolore a rosa pallido.

Visualizza la domanda

Domanda

Scrivete le semi-equazioni della reazione tra permanganato e ferro (II).

Visualizza la risposta

Risposta

MnO4- + 8H+ + 5e- ➔ Mn2+ + 4H2O


5Fe2+ ➔ 5Fe3+ + 5e-

Visualizza la domanda

Domanda

Indicare almeno due motivi per cui è necessario utilizzare l'acido solforico diluito per acidificare le reazioni di ossidoriduzione con il manganato(VII).

Visualizza la risposta

Risposta

  • L'acido solforico concentrato può ossidare l'analita.
  • L'acido solforico impedisce al manganese di ossidarsi a biossido di manganese.
  • Il manganato(VII) agisce come forte ossidante in condizioni acide.
  • Per fornire una quantità sufficiente di ioni H+.

Visualizza la domanda

Domanda

Perché non si usa un indicatore nella titolazione redox tra manganato(VII) e acido ossalico?

Visualizza la risposta

Risposta

Il permanganato di potassio agisce come autoindicatore.

Visualizza la domanda

Domanda

Assegnare il nome al seguente ione: C2O42-.

Visualizza la risposta

Risposta

Ione ossalato o etandioato.

Visualizza la domanda

Domanda

Scrivete le semi-equazioni della reazione tra gli ioni permanganato ed ossalato.

Visualizza la risposta

Risposta

MnO4- + 8H+ + 5e- ➔ Mn2+ + 4H2O


C2O42- ➔ 2CO2 + 2e-

Visualizza la domanda

Domanda

Perché si riscalda la soluzione di acido ossalico prima di titolarla con il permanganato?

Visualizza la risposta

Risposta

Perchè il calore accelera la reazione tra etandioato e manganato (VII).

Visualizza la domanda

Domanda

Perchè dobbiamo riscaldare la soluzione di acido ossalico tra i 60 e i 70ºC prima di titolarla con il permanganato?

Visualizza la risposta

Risposta

Perchè l'ossalato inizia a decomporsi a temperature superiori a 70°C.

Visualizza la domanda

Domanda

Indicare perché non è possibile utilizzare i seguenti acidi per acidificare la reazione tra permanganato e acido ossalico.


  • Acido cloridrico
  • Acido nitrico
  • Acido etanoico

Visualizza la risposta

Risposta

  • L'acido cloridrico viene ossidato dal manganato(VII) a cloro.
  • L'acido nitrico può ossidare l'analita.
  • L'acido etanoico non fornisce una quantità sufficiente di ioni H+ perché è un acido debole.

Visualizza la domanda

Domanda

Come si chiama la sostanza chimica a concentrazione incognita in una titolazione?

Visualizza la risposta

Risposta

Analita.

Visualizza la domanda

Domanda

Una soluzione standard di permanganato di potassio può essere utilizzata per determinare la concentrazione di ioni ossalato liberi in soluzione. Illustrate il metodo per questo esperimento.

Visualizza la risposta

Risposta

1. Sciacquare e riempire una buretta pulita con la soluzione di permanganato di potassio.

2. Fissare la buretta al supporto per burette e posizionare una piastrella bianca sotto la beuta.

3. Spipettare una quantità stabilita di soluzione di acido ossalico in una beuta pulita.

4. Aggiungere l'eccesso di acido solforico diluito alla beuta.

5. Riscaldare la soluzione di acido ossalico a 60 ºC.

6. Annotare la lettura iniziale nella buretta.

7. Titolare la soluzione calda di acido ossalico con la soluzione di permanganato di potassio, agitando delicatamente la beuta. 

8. Fermarsi quando si osserva una soluzione di colore rosa pallido permanente.

9. Annotare il valore in corrispondenza del menisco della buretta.

10. Ripetere l'esperimento fino ad ottenere un volume con valori nell' intervallo di confidenza di 0,10

Visualizza la domanda

Domanda

Per determinare la quantità di ioni Fe2+ nelle pastiglie di ferro, Camilla le ha sciolte in acido cloridrico e le ha titolate con bicromato di potassio(VI). Perché avrebbe ottenuto risultati imprecisi se avesse usato il permanganato di potassio?

Visualizza la risposta

Risposta

Perchè l'acido cloridrico si ossida a cloro in presenza di manganato(VII) di potassio.

Visualizza la domanda

SCOPRI DI PIÙ RIGUARDO Metalli di transizione
60%

degli utenti non supera il quiz di Metalli di transizione! Tu lo passeresti?

INIZIA IL QUIZ

Discover the right content for your subjects

Iscriviti per sottolineare e prendere appunti. É tutto gratis.