Log In Iscriviti
L'app all-in-one per gli studenti
4.8 • +11K recensioni
Più di 3 milioni di downloads
Free
|
|

All-in-one learning app

  • Flashcards
  • NotesNotes
  • ExplanationsExplanations
  • Study Planner
  • Textbook solutions
Start studying

Geometria analitica

Want to get better grades?

Nope, I’m not ready yet

Get free, full access to:

  • Flashcards
  • Notes
  • Explanations
  • Study Planner
  • Textbook solutions

La geometria analitica è un ramo molto importante della matematica perché ci permette di sviluppare rappresentazioni grafiche per diversi oggetti geometrici. Questi possono essere punti, rette e curve, come la circonferenza, la parabola, e l’ellisse.

Il mondo reale è a tre dimensioni (3D), gli oggetti hanno quindi una lunghezza (prima dimensione), una larghezza (seconda dimensione) e una profondità (terza dimensione), e li possiamo osservare da tanti punti di vista: da sotto, sopra o da ciascun lato. Pensa però a come vedi le immagini sullo schermo del tuo cellulare, su una tavola da gioco o quando le vuoi disegnare su un foglio di carta. Sono piatte, o potremmo anche dire giacciono su un piano. Non hanno profondità perché manca la terza dimensione. Per questo si parla di spazio a due dimensioni (2D), o bidimensionale.

Il piano cartesiano: il palcoscenico della geometria analitica

La geometria analitica descrive gli oggetti in un piano bidimensionale, chiamato piano cartesiano, ed è per questo nota anche come geometria cartesiana. Il ragionamento è simile a quello del gioco della battaglia navale. Se ci hai mai giocato, forse ti ricorderai il grafico in cui si trovano punti incrociando un’asse orizzontale con lettere da A a J, e un'asse verticale con numeri da 1 a 10.

Nel piano cartesiano, invece, i due assi che si intersecano non sono limitati a una decina di caselle, ma rappresentano infiniti numeri reali, e in entrambi i versi (cioè sia i numeri positivi, che negativi).

Chiaramente non si possono disegnare infiniti punti, ma si usa una freccia per indicare questa idea, e possiamo scegliere noi come spaziare i numeri su ogni asse, in base alle esigenze dell’esercizio. Solitamente in geometria analitica useremo una griglia più simile alla prima delle immagini che seguono.

Geometria analitica Il piano cartesiano StudysmarterFigura 1. Il piano cartesiano.

Geometria analitica Assi cartesiane con scala differente StudySmarterFigura 2. Piano cartesiano in cui gli assi hanno una scala differente

Questo cosiddetto sistema di coordinate permette di dare a tutti i punti dello spazio una rappresentazione propria, data da una coppia di numeri, chiamate coordinate.

Gli assi cartesiani orizzontale e verticale sono quasi sempre contrassegnati rispettivamente come asse delle ascisse \(\vec{x}\), e delle ordinate \(\vec{y}\). Le coordinate di un punto generico sul piano saranno denotate quindi da una coppia ordinata \((x,y)\), dove a \(x\) possiamo sostituire un valore qualsiasi, e così anche a \(y\).

L’intersezione (cioè il punto d’incontro) dei due assi si chiama origine, e si indica solitamente con la lettera O. Le quattro porzioni di piano in cui gli assi suddividono il piano cartesiano si chiamano quadranti. Si numerano da 1 a 4, in senso antiorario, essendo il primo quadrante quello delimitato dalle \(x\) e \(y\) positive.

Se scegliamo \(x=2\) e \(y=3\), la coppia \((2,3)\) individuerà un punto P sul piano.

La puoi disegnare contando 2 unità sull’asse delle x (verso destra) e tracciando da lì una linea verticale, e poi 3 unità positive (verso l'alto) sull’asse delle \(y\) e tracciando una linea orizzontale, finché non incontri la linea di \(x=2\).

Geometria analitica Coordinate di un punto nel piano cartesiano StudysmarterFigura 3. Punto di coordinate (2,3)

Se guardi bene, dalle mappe ai grafici, fino ai pixel dello schermo su cui stai leggendo questo articolo, i sistemi di coordinate sono ovunque nella nostra vita quotidiana, e la vita non sarebbe la stessa senza di essi!

Luoghi geometrici e sezioni coniche

Lo studio della geometria analitica non si limita ai punti, ma a insiemi di punti precisi, detti anche luoghi geometrici, che sono le forme che conosci come linee o figure. La geometria analitica ci fornisce gli strumenti per misurarli con unità precise e attribuirne equazioni, di studiare le relazioni numeriche tra varie figure, e di trovare comportamenti tipici. In questo, fa un passo in avanti rispetto alla geometria pura.

Le figure piane principali sono l’ellisse, l’iperbole e la parabola e sono chiamate sezioni coniche, o coniche, perché si possono ottenere tutte dall’intersezione di un cono tridimensionale e un piano.

Geometria analitica Sezioni coniche StudySmarterFigura 4. Le possibili intersezioni tra un cono tridimensionale e un piano: parabola, circonferenza, ellisse, iperbole.

Un concetto di fondamentale importanza per la geometria analitica, e di cui dovrai impadronirti, è saper stabilire se un punto appartiene a una retta o sezione conica. Per farlo, bisogna conoscere le coordinate del punto e l’equazione della retta, o della conica. Se sostituendo le coordinate del punto nell’equazione, e svolgendo i calcoli, l’equazione si riduce a un’identità, allora il punto apparterrà alla retta o conica. Ma vale anche il viceversa: se il punto appartiene alla retta o conica, sostituendo le coordinate del punto nell’equazione, e svolgendo i calcoli, l’equazione si ridurrà a un’identità.

Geometria analitica: la retta nel piano cartesiano e la sua equazione

La retta è una linea dritta e infinita sul piano cartesiano. Nel piano cartesiano possiamo rappresentarne solo una parte, essendo impossibile disegnare infiniti punti.

La retta è un insieme di infiniti punti allineati nel piano.

Ci sono infinite rette sul piano, e si distinguono l’una dall’altra per la pendenza e l’intercetta.

L’intercetta è la coordinata \(y\) del punto in cui la retta interseca l’asse delle ordinate.

La pendenza, detta anche coefficiente angolare, ci indica quanto la retta sia ripida, ovvero di quanto sia inclinata rispetto all’asse delle ascisse. Il modo più immediato per esprimere la pendenza è mediante l’angolo compreso tra l’asse delle ascisse e la retta stessa. Non a caso, si chiama angolo di inclinazione! Più l’angolo è ampio, più la retta è inclinata.

Geometria analitica Due rette con diversa inclinazione StudySmarterFigura 4. Due rette con inclinazione diversa.

Ma c’è anche un altro modo. Per scriverlo, occorre definire incremento di \(x\) e di |(y\). Scelti due punti qualsiasi appartenenti alla retta, di coordinate \((x_1,y_1)\), \((x_2,y_2)\), \(\Delta x=|x_2-x_1|\) è l’incremento di \(x\). Questa quantità ci indica di quanto ci siamo spostati sull’asse delle ascisse. Allo stesso modo, \(\Delta y=|y_2-y_1|\).

Se chiamiamo m il coefficiente angolare, si ha che \[m=\frac{\Delta y}{\Delta x}\]

Il denominatore, \(\Delta x\), non può essere pari a 0, quindi deve essere \(|x_2-x_1| \neq 0\), cioè \(x_1 \neq x_2\), e di conseguenza la retta non può essere verticale.

  1. Il coefficiente angolare può essere anche negativo. In tal caso la retta si troverà nel secondo e quarto quadrante.
  2. Se la retta passa per l’origine, la sua equazione sarà del tipo \(y=mx\).
  3. Il coefficiente angolare e l’angolo di inclinazione \(\alpha\) sono legati dalla seguente equazione \(m=tan(\alpha)\).

Grafico di una retta, fasci di rette

Per poter individuare una retta e rappresentarla nel piano con un grafico servono due informazioni

  • due punti, oppure

  • un punto e un coefficiente angolare

Se abbiamo un solo punto, da esso passano infinite rette, e si ha un cosiddetto fascio di rette per un punto.

Se stabiliamo una pendenza, possiamo individuare di nuovo infinite rette, stavolta tutte parallele tra loro. Si chiama fascio di rette parallele.

Equazione della retta

Dato un coefficiente angolare \(m\) e l’intercetta \(q\), l’equazione della retta si scrive, in forma esplicita,

\[y=mx+q\]

Ci sono anche altri modi di scrivere questa stessa equazione, per esempio in forma implicita, che approfondiremo in un altro articolo più specifico. Su StudySmarter troverai uno studio dettagliato sulle rette, e ti aiuteremo a capirla mediante esempi, esercizi e grafici.

Geometria analitica: circonferenza nel piano cartesiano e la sua equazione

In termini grezzi, la circonferenza è la linea che disegniamo per delimitare un cerchio. Per disegnarne una basta avere un punto, il centro, e stabilire una lunghezza chiamata raggio, che ne determina la ‘grandezza’. Più è corto il raggio, più piccola sarà la circonferenza.

La circonferenza è il luogo geometrico dei punti sul piano aventi la stessa distanza fissata (il raggio) da un punto (il centro).

Per facilità, pensa a un compasso aperto alla lunghezza fissata del raggio e che resta fermo sul centro. Se provi a muovere l’altra estremità con la matita in tutte le direzioni possibili senza aprire o chiudere il compasso, vedrai che puoi solo ruotarlo. Se lo ruoti in modo continuo fino a raggiungere il punto di partenza, l’altra estremità disegnerà una linea chiusa che sarà proprio la circonferenza.

Geometria analitica Circonferenza con compasso StudySmarterFigura 6. Circonferenza con raggio fissato

Il centro \(C\) è un punto. Avrà quindi delle coordinate nel piano cartesiano che possiamo identificare con \((x_C,y_C)\), e possiamo chiamare la lunghezza del raggio \(r\). Se un punto \(P\) di coordinate generiche \((x,y)\) è tale che la distanza tra \(P\) e \(C\), \(\overline{PC}\), è proprio \(r\), allora \(P\) sarà un punto della circonferenza.

Viceversa, se \(P\) appartiene alla circonferenza, la lunghezza PC è uguale a \(r\): \(\overline{PC}=r\).

Equazione della circonferenza nel piano cartesiano

Utilizzando la formula per la distanza tra due punti, si ottiene l’equazione:

\[(x-x_C)^2+(y-y_C)^2=r^2\]

Espandendo questa equazione con proprietà algebriche, si ottiene la stessa equazione in un’altra forma, detta canonica.

Su StudySmarter potrai approfondire le relazioni tra queste equazioni, e studiare diversi esercizi sulla circonferenza.

Geometria analitica: la parabola e la sua equazione nel piano cartesiano

La parabola è il luogo geometrico di tutti i punti aventi la stessa distanza da un punto F, detto fuoco e una retta d, detta direttrice.

A differenza della circonferenza, la parabola non è una figura chiusa. Si dice che le due estremità tendono all’infinito, e quindi, come la retta, non può essere rappresentata mai per intero nel piano cartesiano.

Ogni parabola ha un’asse di simmetria, che è la retta che la divide in due parti identiche. Il punto d'intersezione tra l’asse di simmetria e la parabola, si chiama vertice.

Se l’asse di simmetria è verticale, l'equazione in forma esplicita della parabola sarà\[y=ax^2+bx+ c\]

a, b e c sono coefficienti, quindi possiamo scegliere infinite terne (a,b, c) e sostituirle nell’equazione, ottenendo infinite parabole diverse.

Se fosse

  1. a pari a 0, avremmo una retta, non una parabola.

  2. Se \(a>0\) si dice che la parabola ha concavità rivolta verso l’alto, cioè le sue estremità tendono a \( +\infty\).

  3. Viceversa, se \(a<0\) si dice che la parabola ha concavità rivolta verso il basso, cioè le sue estremità tendono a \( -\infty\).

La parabola è utile per fisici e ingegneri, ed è molto presente nella realtà. Per fare un paio di esempi, sono parabole le antenne paraboliche o i fari automobilistici.

Geometria analitica: formule

Un formulario è sempre utile per un ripasso, o per avere un riferimento. Ecco qui le formule principali di geometria analitica, suddivise per argomento. Negli articoli specifici troverai spiegazioni, grafici, casi particolari e altre formule ancora. Questa è solo una sintesi introduttiva.

Formulario punti e segmenti

Geometria analitica Formulario punti e segmenti StudySmarterTabella 1. Formulario punti e segmenti.

Formulario retta

Geometria analitica Formulario retta StudySmarterTabella 2. Formulario retta.

Formulario circonferenza

Geometria analitica Formulario circonferenza StudySmarterTabella 3. Formulario circonferenza.

Formulario parabola

Geometria analitica Formulario parabola StudySmarterTabella 4. Formulario parabola.

Formulario ellisse

Geometria analitica Formulario ellisse StudySmarterTabella 5. Formulario ellisse.

Formulario iperbole

Geometria analitica Formulario iperbole StudySmarterTabella 6. Formulario iperbole.

Geometria analitica: esercizi

Gli esercizi principali che dovrai saper risolvere sono:

  • trovare il punto medio di un segmento;

  • trovare la distanza tra due punti;

  • scrivere l’equazione di una retta passante per due punti;

  • scrivere l’equazione di una retta passante per un punto e parallela o perpendicolare a una retta data;

  • trovare l’asse di un segmento;

  • trovare l’equazione di una circonferenza dati il suo centro e il raggio;

  • trovare le coordinate del centro di una circonferenza e il suo raggio data la sua equazione;

  • trovare l’equazione della retta tangente a una circonferenza data in un punto;

  • trovare l’equazione di una ellisse dati asse minore e maggiore;

  • trovare l’equazione di una iperbole dati asintoti o assi e viceversa;

  • trovare il fuoco e il vertice, data l’equazione di una parabola e viceversa.

Le formule che abbiamo elencato sopra saranno utili per gli esercizi. Non possiamo affrontarli tutti in questo articolo, ma troverai tanti esempi su StudySmarter.

Quando devi affrontare un esercizio, raccomandiamo di leggere attentamente il testo, di raccogliere tutte le informazioni utili, e tutte le volte che puoi, di fare un disegno quanto più accurato del problema. Molto spesso i problemi vengono presentati in maniera contorta, quindi il primo passo è sempre capire i dati e la domanda. Più esercizi svolgi, più la mente si allena a pensare in maniera critica e flessibile. Su StudySmarter, grazie a tanti esempi, ti aiuteremo ad acquisire questa capacità.

    • La geometria analitica traduce i concetti geometrici in un sistema di coordinate cartesiane bidimensionale.

    • Il piano cartesiano è diviso in quattro quadranti da due assi perpendicolari, l’asse delle \(x\) e l’asse delle \(y\), che si incontrano in un punto chiamato origine.

    • Tutti i punti del piano sono individuate da una coppia ordinata di coordinate \((x,y)\).

    • Un luogo geometrico è un insieme di punti che godono di una stessa proprietà.

    • I luoghi geometrici principali sul piano sono la retta, e le sezioni coniche: ellisse, circonferenza, parabola e iperbole.

    • La retta è un insieme di infiniti punti allineati nel piano.

    • Ci sono infinite rette sul piano, che sono distinte l’una dall’altra grazie a una pendenza, detta coefficiente angolare, e un’intercetta (la coordinata \(y\) del punto d'intersezione tra l’asse \(y\) e la retta)

    • La circonferenza è il luogo geometrico dei punti sul piano aventi la stessa distanza fissata (il raggio) da un punto (il centro).

    • La parabola è il luogo geometrico di tutti i punti aventi la stessa distanza da un punto F, detto fuoco e una retta d, detta direttrice.

    • Ci sono infinite rette sul piano cartesiano, ognuna avente un'equazione distinta. Lo stesso vale per le sezioni coniche.

    • Se un punto appartiene a una retta o conica, sostituendo le coordinate del punto nell’equazione, e svolgendo i calcoli, l’equazione si ridurrà a un’identità. Vale anche il viceversa.


  • References

    1. Fig. 5 - Le possibili intersezioni tra un cono tridimensionale e un piano: parabola, circonferenza, ellisse, iperbole. (https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/fa/Conic_sections_2-noeng.png by Magister_Mathematicae (https://commons.wikimedia.org/wiki/User:Magister_Mathematicae) is licensed by Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/)
    2. Fig. 6 - Circonferenza con raggio fissato (https://pixabay.com/photos/pair-of-compasses-compasses-compass-6563844/) by tiago_hands (https://pixabay.com/users/tiago_hands-13874809/) is licensed by Pixabay License (https://pixabay.com/service/license/)

Domande frequenti riguardo Geometria analitica

La geometria analitica consiste nello sviluppo di rappresentazioni grafiche per oggetti geometrici in un sistema di riferimento, in modo che si possa analizzarne le equazioni. Le figure più comunemente studiate sono rette e curve, come la circonferenza, la parabola, e l’ellisse.

La geometria analitica viene usata per studiare insiemi di punti precisi, detti anche luoghi geometrici. Ci fornisce gli strumenti per misurarli con unità precise e determinarne equazioni e grafici, di studiare le relazioni numeriche tra varie figure tramite proprietà algebriche, e di trovare comportamenti tipici.

La definizione di retta si basa sul concetto intuitivo di una linea dritta e infinita. Per definizione, la retta è un insieme di infiniti punti allineati nel piano. In geometria analitica, ogni retta del piano ha una propria equazione, mediante la quale ogni volta che si sceglie un’ascissa \(x\), è possibile determinare l’ordinata \(y\). Una retta si distingue da tutte le altre per la sua intercetta e il suo coefficiente angolare. 


Per capire se una retta passa dall’origine, la si può disegnare nel piano cartesiano, e vedere se la retta passa per l’origine. Guardando l’equazione della retta in forma esplicita, invece, basta verificare che non compaia l’intercetta (il termine noto, cioè quello senza variabile).

In geometria analitica, la circonferenza si indica tramite un’equazione algebrica. Nel caso di una generica circonferenza di centro \((x_C,y_C)\) nel piano bidimensionale, l’equazione sarà \((x-x_C)^2+(y-y_C)^2=r^2.\)

Quiz Finale Geometria analitica

Domanda

Cosa rende diversa la geometria analitica dalla geometria?

Visualizza la risposta

Risposta

La geometria studia le figure piane e solide e le loro proprietà universali. La geometria analitica le studia in un sistema di riferimento, permettendoci di determinarne equazioni e grafici, e sfruttare proprietà algebriche per analizzarle.

Visualizza la domanda

Domanda

Cos'è il piano cartesiano?

Visualizza la risposta

Risposta

Il piano cartesiano è una superficie bidimensionale in cui si introduce un sistema di riferimento con due assi perpendicolari, e numericamente suddivisi in intervalli. Ai due assi vengono assegnati i nomi di x e y. In esso, tutti i punti del piano sono identificati mediante una coppia ordinata di coordinate \((x,y)\)

Visualizza la domanda

Domanda

Cos'è un luogo geometrico?

Visualizza la risposta

Risposta

Un luogo geometrico è un insieme di punti che godono di una stessa proprietà. 

Visualizza la domanda

Domanda

Cos'è un fascio di rette?

Visualizza la risposta

Risposta

Un fascio di rette è un insieme di rette che hanno in comune un punto o il coefficiente angolare. Nel primo caso si parla di fascio di rette per un punto (il punto in comune), nel secondo fascio di rette parallele.

Visualizza la domanda

Domanda

Come chiamiamo gli assi del piano cartesiano?

Visualizza la risposta

Risposta

L’asse orizzontale si chiama asse delle ascisse, o delle \(x\). L’asse verticale: asse delle ordinate, o delle \(y\). 

Visualizza la domanda

Domanda

Quale è l’equazione generica di una retta?

Visualizza la risposta

Risposta

Forma esplicita: \(y=mx+c\) e in forma implicita: \(ax+by+c=0\).

Visualizza la domanda

Domanda

Quale è l’equazione generica di una circonferenza di centro \(C\) e raggio \(r\) nel piano bidimensionale?

Visualizza la risposta

Risposta

\((x-x_C)^2+(y-y_C)^2=r^2\).

Visualizza la domanda

Domanda

Quale è l’equazione generica di una parabola?

Visualizza la risposta

Risposta

Una generica parabola con asse verticale nel piano bidimensionale ha equazione \(y=ax^2+bx+ c\) in forma esplicita. Se l’asse è orizzontale, l’equazione sarà \(x=ay^2+by+ c\).

Visualizza la domanda

Domanda

Le sezioni coniche si possono ottenere tutte dall’intersezione di un cono tridimensionale e un piano. 

Visualizza la risposta

Risposta

Vero

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è un vettore?

Visualizza la risposta

Risposta

Un vettore è una grandezza rappresentata da una misura della sua quantità, detta modulo, da una direzione e da un verso. Graficamente si usa una freccia per rappresentarla.


Visualizza la domanda

Domanda

Ad ogni numero corrisponde un vettore?

Visualizza la risposta

Risposta

Falso

Visualizza la domanda

Domanda

Come si rappresenta un vettore?

Visualizza la risposta

Risposta

Con una freccia

Visualizza la domanda

Domanda

Come si chiama un vettore che si ottiene da un altro vettore, muovendone la rappresentazione della freccia e mantenendo la stessa lunghezza, lo stesso orientamento e lo stesso verso?

Visualizza la risposta

Risposta

Vettore equipollente

Visualizza la domanda

Domanda

Quanti vettori equipollenti ha un singolo vettore?

Visualizza la risposta

Risposta

Infiniti

Visualizza la domanda

Domanda

Cosa rende diverso il vettore opposto da un vettore dato?

Visualizza la risposta

Risposta

Il verso

Visualizza la domanda

Domanda

Cos'è il vettore nullo?

Visualizza la risposta

Risposta

Il vettore nullo ha modulo pari a zero.

Visualizza la domanda

Domanda

Cos'è la risultante di due vettori?

Visualizza la risposta

Risposta

La somma

Visualizza la domanda

Domanda

Come si calcola il modulo della risultante \( \overrightarrow{s} \) di due vettori \( \overrightarrow{a} \) e \( \overrightarrow{b} \) ?


Visualizza la risposta

Risposta

\[ s = \sqrt{a^2+b^2+2ab\cos \alpha}\]

Visualizza la domanda

Domanda

La risultante può essere anche nulla

Visualizza la risposta

Risposta

Vero

Visualizza la domanda

Domanda

Nel prodotto di uno scalare per un vettore la direzione del vettore cambia.

Visualizza la risposta

Risposta

Falso

Visualizza la domanda

Domanda

Se moltiplicare due o più vettori per 0 è la sola combinazione possibile per ottenere una risultante nulla, allora i vettori si chiamano

Visualizza la risposta

Risposta

Linearmente indipendenti

Visualizza la domanda

Domanda

Dati due vettori, il loro prodotto scalare \( \overrightarrow{a} \cdot \overrightarrow{b}\) è

Visualizza la risposta

Risposta

\[ab \cos \alpha \]

Visualizza la domanda

Domanda

Dati due vettori \(\overrightarrow{a}\) e \(\overrightarrow{b}\), il prodotto vettoriale si indica con

Visualizza la risposta

Risposta

\(\overrightarrow{a} \times \overrightarrow{b}\)

Visualizza la domanda

Domanda

Si definisce prodotto vettoriale di \(\overrightarrow{a}\) per \(\overrightarrow{b}\) il vettore che ha:

Visualizza la risposta

Risposta

  • come modulo il modulo di \( \overrightarrow{a}\) meno il modulo di \( \overrightarrow{b}\) moltiplicato il seno dell'angolo compreso
  • come direzione quella perpendicolare al piano che contiene entrambi i vettori,
  • come verso quello uscente dal piano che li contiene entrambi.

Visualizza la domanda

Domanda

La forma esplicita dell’equazione di una retta è

Visualizza la risposta

Risposta

\(y=mx+q\)

Visualizza la domanda

Domanda

Nella forma esplicita dell’equazione di una retta \(y=mx+q\), il coefficiente angolare è rappresentato da

Visualizza la risposta

Risposta

\(m\)

Visualizza la domanda

Domanda

Il coefficiente angolare è uno l'antireciproco dell'altro per due rette

Visualizza la risposta

Risposta

Perpendicolari

Visualizza la domanda

Domanda

Il coefficiente angolare di una retta ci indica

Visualizza la risposta

Risposta

quanto è inclinata rispetto all’asse delle x

Visualizza la domanda

Domanda

Quanti punti servono per determinare una e una sola retta?

Visualizza la risposta

Risposta

Una

Visualizza la domanda

Domanda

Le rette di un fascio di rette parallele hanno

Visualizza la risposta

Risposta

lo stesso coefficiente angolare

Visualizza la domanda

Domanda

La formula per una retta per due punti è

Visualizza la risposta

Risposta

\(y-y_1=m(x-x_1)\)

Visualizza la domanda

Domanda

Scrivi l'equazione della retta passante per l’origine e avente coefficiente angolare 2:

Visualizza la risposta

Risposta

\(y-0=2(x-0)\), cioè \(y=2x\)

Visualizza la domanda

Domanda

Le rette \(y=3x+1\) e \(y=3x-\frac{7}{2}\) sono

Visualizza la risposta

Risposta

parallele

Visualizza la domanda

Domanda

Il punto di ascissa 1 (\(x=1\)) della retta \(y=3x+7\) avrà ordinata \(y\) pari a

Visualizza la risposta

Risposta

10

Visualizza la domanda

Domanda

Nella prima bisettrice (\(x=y\)), qual è l’intercetta?

Visualizza la risposta

Risposta

L’origine

Visualizza la domanda

Domanda

Quale di queste equazioni non è l’equazione di una retta?

Visualizza la risposta

Risposta

\(x^2+3y+4=0\)

Visualizza la domanda

Domanda

Nella retta di equazione \(2x-y-6=0\) qual è l'intercetta?


Visualizza la risposta

Risposta

2

Visualizza la domanda

Domanda

Per identificare un riferimento cartesiano, si scelgono due assi perpendicolari tra loro che si intersecano nel punto di riferimento O. Questo sistema permette di localizzare un qualsiasi punto in uno spazio bidimensionale.

Visualizza la risposta

Risposta

Vero

Visualizza la domanda

Domanda

Ogni punto del piano può essere rappresentato da un numero intero?

Visualizza la risposta

Risposta

Falso

Visualizza la domanda

Domanda

Se un punto si trova nel terzo quadrante, allora

Visualizza la risposta

Risposta

La x sarà positiva e la y negativa.

Visualizza la domanda

Domanda

Se un punto si trova a destra dell'asse delle y, la sua coordinata x sarà 

Visualizza la risposta

Risposta

positiva

Visualizza la domanda

Domanda

Se un punto si trova sull'asse delle y avrà coordinata

Visualizza la risposta

Risposta

x=0

Visualizza la domanda

Domanda

Se un punto si trova sull'asse delle ordinate, e al di sotto dell'origine O, la sua coordinata y sarà 

Visualizza la risposta

Risposta

negativa

Visualizza la domanda

SCOPRI DI PIÙ RIGUARDO Geometria analitica
60%

degli utenti non supera il quiz di Geometria analitica! Tu lo passeresti?

INIZIA IL QUIZ

Discover the right content for your subjects

Iscriviti per sottolineare e prendere appunti. É tutto gratis.