Log In Iscriviti
StudySmarter - The all-in-one study app.
4.8 • +11k Ratings
More than 3 Million Downloads
Free
|
|

All-in-one learning app

  • Flashcards
  • NotesNotes
  • ExplanationsExplanations
  • Study Planner
  • Textbook solutions
Start studying

Analisi matematica

Save Salva
Print Stampa
Edit Modifica
Iscriviti gratis per sbloccare tutte le funzioni. Iscriviti ora

Want to get better grades?

Nope, I’m not ready yet

Get free, full access to:

  • Flashcards
  • Notes
  • Explanations
  • Study Planner
  • Textbook solutions
Analisi matematica

L'analisi matematica è fondamentalmente diversa dagli altri rami della matematica; mentre questi sono statici, l'analisi è dinamica. In termini molto semplicistici, l'analisi è la matematica del movimento, lo studio di come le quantità variano.

Prima dell'analisi, la matematica era per lo più statica, descrivendo oggetti che non si muovevano. Ma era incompleta. Se pensi che la maggior parte degli oggetti è sempre in movimento, non dovrebbe sorprenderti se grandi matematici hanno cercato strumenti per studiarne le variazioni! È qui che entra in gioco l'analisi.

Si pensa che principi simili a quelli dell'analisi siano stati utilizzati nell'antico Egitto per costruire le piramidi, pensa un po'. Ma l'analisi che impariamo oggi è quella sviluppata inizialmente da Newton e Leibniz nel XVII secolo.

Trovare una definizione formale di analisi matematica non è semplice, ma in linea di massima:

L'analisi è lo studio matematico dell'approssimazione, di infinitesimi, e del cambiamento continuo di quantità. Si occupa dei tassi di cambiamento di funzioni matematiche.

L’analisi ha due rami principali:

  1. Il calcolo differenziale, che si occupa dei tassi di variazione di una funzione. Il principale argomento che studierai saranno le derivate.
  2. Il calcolo integrale, che si occupa principalmente delle aree sottostanti i grafici di funzioni o comprese tra due grafici.

L'analisi ha applicazioni in moltissimi campi tra cui medicina, edilizia ed economia.

  • Adesso vedremo alcuni dei ragionamenti che hanno spinto i matematici ad arrivare agli argomenti che oggi si studiano in analisi: Derivate Integrali Limiti
  • Vedremo come, nelle misure, l'analisi usa molto l'approssimazione, ma con criterio
  • Vedremo il legame tra derivate e integrali, espresso nel Teorema fondamentale del calcolo integrale

Come ha avuto origine l’analisi?

Tra i fondatori dell’analisi, spiccano due matematici, Sir Isaac Newton e Gottfried Leibniz, i quali, indipendentemente l'uno dall'altro, hanno concepito le idee alla base dell’analisi. Sebbene Sir Isaac Newton abbia iniziato prima i suoi studi, oggi utilizziamo principalmente la notazione di Gottfried Leibniz.

Per avere un’idea di cosa possa aver spinto i matematici a risolvere problemi di analisi, pensiamo a un quesito apparentemente semplice: trovare l'area di un cerchio. Ora, conosciamo la formula dell'area di un cerchio:

\[ A= \pi r^2 \]

Ma perché è così? Quale susseguirsi di passi logici porta a questa conclusione? Supponiamo di non conoscere questa formula e di voler trovare l'area di un cerchio. Che fare? Per cominciare, proviamo a scomporre il cerchio in forme le cui aree sono più semplici da calcolare.

Analisi matematica - Approssimazione area cerchio - StudySmarter Un modo approssimativo per calcolare l'area di un cerchio, utilizzando forme di cui conosciamo l'area - StudySmarter originals

Piuttosto che cercare di usare forme che si avvicinano sempre più al cerchio, proviamo un'idea diversa: dividere il cerchio in circonferenze concentriche.

Analisi matematica -  Grafico di un cerchio con corone circolari - StudySmarterGrafico di un cerchio con corone circolari - StudySmarter Originals

Bene, ma ora che si fa? Beh, prendiamo una di queste corone circolari, che avrà uno spessore più piccolo del cerchio originale che chiameremo \(r\). Nel nostro esempio, \(r\) sarà compreso tra 0 e 5.

Analisi matematica - corona circolare - StudySmarterGrafico di un cerchio in cui una corona circolare è stata evidenziata - StudySmarter Originals

Poi raddrizziamo questa corona circolare.

Analisi matematica - Corona circolare raddrizzata, a partire da una circonferenza con anelli concentrici - StudySmarter Corona circolare raddrizzata, a partire da una circonferenza con anelli concentrici - StudySmarter Originals

Con questa circonferenza circoscritta 'raddrizzata', ora abbiamo una forma la cui area è più facile da trovare. Ma quale forma ha un'area ancora più facile da trovare? Un rettangolo. Per semplicità, possiamo approssimare la forma 'raddrizzata' come un rettangolo.

Analisi matematica- Approssimazione della corona circolare raddrizzata con un rettangolo - StudySmarter  Approssimazione della corona circolare raddrizzata con un rettangolo - StudySmarter Originals

Questo rettangolo ha una base pari alla circonferenza della corona circolare, o \(2\pi \cdot r\), e un'altezza pari allo spessore della corona circolare scelta in precedenza. Ridefiniamo \(r\) con \(dr\) così da rappresentare una piccola differenza tra lo spessore di una corona circolare a quella successiva. Quindi, che cosa abbiamo ora? Abbiamo una serie di corone circolari approssimate come rettangoli di cui sappiamo trovare l'area! E per scelte sempre più piccole di \(dr\) (o per la suddivisione del cerchio in corone circolari sempre più piccole), la nostra approssimazione dell'area del cerchio diventa sempre più precisa.

L'analisi si basa sull’approssimazione, e studia casi di quando una variabile diventa infinitamente piccola, avvicinandosi a un altro valore.

Facciamo un ulteriore passo in avanti e raddrizziamo tutte le corone circolari in rettangoli. Allineiamole una accanto all'altra e le posizioniamo sul grafico della retta \(2 \pi r\). Vedrai che ogni rettangolo si estende fino al punto in cui tocca la retta.

Analisi matematica - Corone circolari raddrizzate e posizionate sotto una retta- StudySmarterCorone circolari raddrizzate e posizionate sotto il grafico della retta \(y=2 \pi r\) - StudySmarter Originals

E per scelte sempre più piccole di \(dr\), possiamo vedere che l'approssimazione dell'area totale del cerchio diventa sempre più accurata.

Analisi matematica - Cerchi circoncentrici allineati sotto una retta - StudySmarterCerchi circoncentrici 'raddrizzati' e posizionati sotto il grafico della retta \(y=\pi r\) per scelte sempre più piccole di \(dr\) - StudySmarter Originals

Ora forse avrai notato che, man mano che si riduce \(dr\), il numero di rettangoli diventa piuttosto grande. Quanto ci metteremo a sommare tutte le loro aree? Guarda di nuovo il grafico e noterai che le aree totali dei rettangoli assomigliano all'area sotto la linea, che è un triangolo!

Conosciamo la formula dell'area di un triangolo:

\[ A = \frac {b \cdot h} {2} \]

che in questo caso sarebbe:

\[ A = \frac { 5 \cdot (2 \pi \cdot 5) } {2} \]

quindi, \(A=\pi r^2 \) che è la formula dell'area di un cerchio!

Ma come siamo arrivati a questo punto? Facciamo un passo indietro e pensiamoci. Avevamo un problema che poteva essere risolto approssimandolo con la somma di molti numeri più piccoli, ciascuno dei quali si presentava come \(2 \pi \cdot r \cdot dr \) per valori di \(r\) compresi tra \(0\) e \(5\). E quel piccolo numero \(dr\) era la nostra scelta dello spessore per ogni corona circolare. Ci sono due cose importanti da notare qui:

  1. Non solo \(dr\) gioca un ruolo nelle aree dei rettangoli che stiamo sommando, ma rappresenta anche la spaziatura tra i diversi valori di \(r\).
  2. Più piccola è la scelta di \(dr\), migliore sarà l'approssimazione. In altre parole, più piccolo il valore di \(dr\), più precisa sarà la risposta.

Scegliendo valori sempre più piccoli di \(dr\) per approssimare meglio il problema originale, la somma dell'area totale dei rettangoli si avvicina all'area del grafico; per questo motivo, si può concludere che la risposta al problema originale, non approssimato, è uguale all'area sotto il grafico.

Si tratta di idee piuttosto interessanti, vero? Magari ti starai chiedendo perché fare tutto questo sforzo per una cosa così semplice come trovare l'area di un cerchio? Beh, riflettiamo un attimo. Abbiamo trovato l'area di una circonferenza come se si trattasse dell'area di un grafico: non potremmo applicare anche ad altri grafici più complessi? La risposta è: sì, possiamo! Prendiamo, ad esempio, il grafico di \(y=x^2\), una parabola.

Analisi matematica - Grafico parabola - StudySmarterGrafico di una parabola - StudySmarter Originals

Come possiamo trovare l'area di un grafico come questo, ad esempio tra i valori tra \(0\) e \(5\)? Questo è un problema molto più difficile, non è vero? E riformuliamo leggermente il problema: fissiamo l'estremo sinistro a \(x=0\) e lasciamo che l'estremo destro vari. Ora la domanda è: possiamo trovare una funzione, chiamiamola \(A(x)\), che ci dia l'area compresa tra la parabola e l'asse delle \(x\), nell'intervallo di estremi 0 (fisso) e \(x\) (variabile)?

Analisi matematica - area sotto una parabola - StudySmarterArea sotto una parabola - StudySmarter Originals

Introduzione al calcolo degli integrali

Questo ci porta a uno degli argomenti portanti dell’analisi: gli integrali. Per usare il linguaggio dell’analisi, la funzione che abbiamo chiamato \(A(x)\) è nota come integrale della funzione in questione. Nel nostro caso, \(A(x)\) sarebbe l'integrale di \(x^2\). O in notazione più matematica:

\[ A(x) = \int_0^x{t^2}dt \]

L'espressione \( \int_0^x{t^2}dt \) si legge integrale definito della funzione f(t) in dt nell'intervallo di estremi \(0\) e \(x\).L'estremo sinistro, \(0\), è detto l'estremo inferiore di integrazione, e \(x\), estremo superiore. La funzione in t, in questo caso \(t^2\) è la funzione integranda, e \(t\) la variabile di integrazione.

In articoli più specifici di analisi su StudySmarter, potrai scoprire la definizione rigorosa di integrale definito, metodi per calcolarlo, e quindi anche gli strumenti che ti aiuteranno a trovare \(A(x)\).

Vale la pena notare che per ogni \(x\) fissato, che potremmo chiamare \(x_0\), \(A(x_0)\) è un'area, rappresentata quindi da un numero. Da qui possiamo anticipare che anche l'integrale definito è un numero. Ma se consideriamo che \(x\) è variabile, l'integrale varierà al variare del suo estremo superiore, e varierà pure l'area \(A(x)\), quindi stiamo parlando di funzioni.

Introduzione alle derivate

Quando aumentiamo di poco \(x\), ad esempio di una quantità che chiameremo \(dx\), vediamo una conseguente variazione dell'area sotto il grafico, che chiameremo \(dA\).

Analisi matematica - Una variazione dell'area sotto una parabola - StudySmarterUna variazione dell'area sotto una parabola - StudySmarter Originals

Questa piccola differenza di area, \(dA\), può essere approssimata con il rettangolo indicato nella figura, così come nell'esempio del cerchio. Il rettangolo che approssima \(dA\) ha un'altezza di \(x^2\) e una larghezza di \(dx\), quindi \(dA=x^2 \cdot dx\). Questa relazione può essere riorganizzata così:

\[ x^2 \approx \frac{dA}{dx} \]

E, naturalmente, per scelte sempre più piccole di \(dx\), l'approssimazione dell'area sotto il grafico diventa sempre più precisa, proprio come nell'esempio del cerchio.

Qualsiasi funzione \(A(x)\), definita come area sotto un grafico, gode della proprietà che \(dA\) diviso \(dx\) è approssimativamente uguale all'altezza del grafico in quel punto (o, potremmo anche dire, dell'ordinata dell'\(x\) scelto). E questa approssimazione diventa più accurata per scelte più piccole di \(dx\).

Questo ci porta al prossimo grande argomento dell'analisi: le derivate.

La relazione tra \(dA\), \(dx\), e la funzione del grafico, \(f(x)\), scritta come \( \frac{dA}{dx}=f(x) \), ci fornisce un'idea di cosa sia una derivata. Se si parla di derivata di \(A\), ci si riferisce al rapporto \( \frac{dA}{dx}\).

La derivata di una funzione nella variabile \(x\) è ancora una funzione nella variabile \(x\). La derivata in un punto, invece, sarà un valore numerico, dal momento che alla variabile \(x\) sostituiremo un valore preciso.

Ci sono diverse notazioni per la derivata di \(A\), tra cui: \(A'(x)\), \(DA(x)\) e \( \frac{dA(x)}{dx}\).

La derivata di \(A\) analizza come e di quanto varia l'area rispetto a incrementi piccoli dell'estremo. L'idea è quella di prendere incrementi sempre più piccoli, o suddividere in intervalli sempre più piccoli, e studiare come varia la funzione da un punto all'altro. In termini più generali, le derivate sono il modo in cui misuriamo i tassi di variazione di una grandezza rispetto a un'altra, in particolare, il tasso di variazione istantaneo di una funzione in un punto.

Una proprietà di cui ci occuperemo in seguito, ma vale la pena menzionare, è che il tasso di variazione istantaneo della funzione in un punto è uguale alla pendenza della retta tangente al grafico in quel punto.

Il teorema fondamentale del calcolo integrale

Le derivate e gli integrali sono strettamente legati l'uno all'altro. In generale, la derivata è una misura della sensibilità di una funzione a piccole variazioni della sua variabile, mentre l'integrale è una misura dell'area sotto un grafico.

La relazione tra integrali e derivate, in cui la derivata di una funzione per l'area sotto un grafico dà la funzione che definisce il grafico stesso, si chiama Teorema fondamentale dell’analisi.

Nei paragrafi precedenti abbiamo stabilito che \( A(x) = \int_0^x{f(t)}dt \) e che \( A'(x) = \frac{dA(x)}{dx}\). In questi termini, la relazione espressa dal teorema fondamentale del calcolo integrale si traduce con \(A'(x) = f(x)\), o in altre parole, la derivata dell'integrale di \(f(t)dt\) è proprio \(f(x)\).

Il teorema fondamentale del calcolo integrale è diviso in due parti:

La prima parte mostra la relazione tra le derivate e gli integrali.

La seconda utilizza la relazione stabilita nella prima parte per mostrare come calcolare un integrale su un intervallo specifico.

L'enunciato della prima parte del teorema fondamentale del calcolo integrale è:

Se una funzione, che chiameremo \(f(x)\), è continua su un intervallo \([a,b]\), e se definiamo un'altra funzione, che chiameremo \(F(x)\), in questo modo:

\[F(x)=\int_a^x f(t)dt\]

Allora, \(F'(x)=f(x)\) nell'intervallo \([a,b]\).

La seconda parte del teorema fondamentale del calcolo integrale afferma che:

Se una funzione, che chiameremo \(f(x)\), è continua su un intervallo di \([a,b]\), e un'altra funzione, che chiameremo \(F(x)\), è una qualsiasi primitiva di \(f(x)\), cioè tale che \(F'(x)=f(x)\), allora:

\[\int_a^x f(t)dt = F(b)-F(a)\]

L'idea di limite nell’analisi matematica

Per concludere questa introduzione all'analisi, diamo un'occhiata a ciò che distingue l'analisi da altri tipi di matematica: l'idea di limite. Nei paragrafi precedenti abbiamo parlato di scegliere valori sempre più piccoli di \(dr\) o \(dx\). Quando consideriamo questi valori sempre più piccoli, miglioriamo l'accuratezza delle nostre approssimazioni, facendo in modo che il valore di \(dr\) o \(dx\) si avvicini a zero. Perché non usare direttamente lo zero? Cerchiamo di capirlo.

La formula per la derivata di \(A\) è il rapporto di \(dA\) diviso \(dx\), e dividere per zero è impossibile! È qui che entra in gioco il limite. Il limite ci permette essenzialmente di vedere quale dovrebbe essere la risposta a un problema (per esempio, l'area di un grafico) man mano che ci si avvicina al valore del limite. Nel caso dei nostri esempi nel paragrafo "Come ha avuto origine l'analisi?", il limite era zero.

Un limite è il valore a cui una funzione si avvicina quando la sua variabile indipendente (di solito \(x\)) si avvicina a un certo valore.

Analisi matematica - Key takeaways

  • L'analisi è il ramo della matematica che si occupa della descrizione e del tasso di variazione di funzioni.
  • Due importantissimi argomenti di analisi, strettamente legati tra loro, sono

    • Il calcolo differenziale
    • Il calcolo integrale
  • Il calcolo differenziale studia le derivate e serve a determinare il tasso di variazione di una grandezza.
  • Il calcolo integrale studia gli integrali e si usa per determinare quantità quando il tasso di variazione è noto.
  • Il Teorema fondamentale dell’analisi mette in relazione il calcolo differenziale e il calcolo integrale.
  • L'idea di limite è ciò che distingue l'analisi da altre aree della matematica.
  • L'analisi ha molte applicazioni pratiche!

Domande frequenti riguardo Analisi matematica

L'analisi è lo studio matematico dell'approssimazione, di infinitesimi, e del cambiamento continuo di quantità. Si occupa dei tassi di cambiamento di funzioni matematiche. Gli argomenti principali studiati sono limiti, derivate, differenziali e integrali.

Per prima cosa, per superare l’esame di analisi matematica occorre non farsi intimidire. Sicuramente è una materia chiave, ma non impossibile. Lo studio deve essere costante, e soprattutto accompagnato da molti esercizi. I dubbi non devono essere lasciati in sospeso. Rivolgersi senza imbarazzo ai docenti, colleghi, o anche consultare spiegazioni online affidabili, può essere spesso determinante.

Lo studio dell’analisi matematica va affrontato con calma e criterio. Seguendo il percorso proposto dai docenti, leggendo i libri consigliati, e soprattutto esercitandosi parecchio, si possono comprendere i concetti chiave e ci si può impadronire della materia.

Il numero degli esami di analisi matematica dipende dalla facoltà frequentata e dalla durata del corso. In generale gli esami di analisi matematica per una laurea triennale sono 2, per corsi annuali, 4 per corsi semestrali.

Quiz Finale Analisi matematica

L'analisi è lo studio matematico dell'approssimazione, di infinitesimi, e del cambiamento continuo di quantità. Si occupa dei tassi di cambiamento di funzioni matematiche.

Vero

Quali sono i due rami principali dell’analisi matematica?

Il calcolo differenziale e il calcolo integrale

Di cosa si occupa principalmente il calcolo differenziale?

Il calcolo differenziale si occupa dei tassi di variazione di una funzione, e descrive una funzione in un punto specifico. In esso l'argomento principale sono le derivate.

Di cosa si occupa in linea di massima il calcolo integrale?

Il calcolo integrale si occupa principalmente delle aree sottostanti i grafici di funzioni o comprese tra due grafici. Per fare ciò, si sommano piccole quantità per scoprire il loro comportamento complessivo.

A chi viene attribuito il credito di avere fondato l’analisi moderna?


Newton e Leibniz

L’approssimazione di aree tra un grafico e l’asse x, o un altro grafico, migliora per valori di incrementi

sempre più piccoli

Quale funzione è nota come integrale di una funzione?

\(A(x)\) che ci dà l'area compresa tra la funzione e l'asse delle \(x\), nell'intervallo di estremi sinistro fisso e destro variabile.

Come si legge \( \int_a^b{f(t)}dt \)?

Si legge integrale definito della funzione f(t) in dt nell'intervallo di estremi \(a\) e \(b\).

Nell’integrale \( \int_a^b{f(t)}dt \) quale è l’estremo sinistro?

a

Nell’integrale \( \int_a^b{f(t)}dt \) quale è la variabile di integrazione?

t

Se, nell’integrale \( \int_a^b{f(t)}dt \) fissiamo la variabile t, cosa succede all’integrale?

L’integrale è un numero

L’integrale è una funzione o un numero?

Una funzione.

Come ci si riferisce al rapporto \( \frac{d(x)}{dx}\)?

Derivata di \(f(x)\)

Cos'è una primitiva di una funzione \(f(x)\)?

La funzione \(F(x)\) è una primitiva di \(f(x)\), se \(F'(x)=f(x)\)

La derivata di una funzione nella variabile \(x\) è ancora una funzione nella variabile \(x\).

Vero

Cosa misurano le derivate?

Le derivate sono il modo in cui misuriamo i tassi di variazione di una grandezza rispetto a un'altra, in particolare, il tasso di variazione istantaneo di una funzione in un punto.

Come si chiama il teorema che stabilisce la relazione tra integrali e derivate, in cui la derivata di una funzione per l'area sotto un grafico dà la funzione che definisce il grafico stesso?


Teorema fondamentale del calcolo integrale.

Il primo enunciato del Teorema fondamentale dell’analisi afferma che


Se una funzione, che chiameremo \(f(x)\), è continua su un intervallo \([a,b]\), e se definiamo un'altra funzione, che chiameremo \(F(x)\), in questo modo \(F(x)=\int_a^x f(t)dt\], allora…


\(F'(x)=f(x)\) nell'intervallo \([a,b]\).

La seconda parte del teorema fondamentale del calcolo integrale afferma che:


Se una funzione, che chiameremo \(f(x)\), è continua su un intervallo di \([a,b]\), e un'altra funzione, che chiameremo \(F(x)\), è una qualsiasi primitiva di \(f(x)\), cioè tale che \(F'(x)=f(x)\), allora:


\[\int_a^x f(t)dt = F(b)-F(a)\]

Quale è la definizione di limite matematico?

Un limite è il valore a cui una funzione si avvicina quando la sua variabile indipendente (di solito \(x\)) si avvicina a un certo valore.

Che cos’è una funzione?

È una relazione tra un insieme X di partenza, chiamato dominio e un secondo insieme d'arrivo Y, chiamato codominio, che tramite una legge matematica fa corrispondere a tutti gli elementi del dominio un elemento del codominio. 

In una funzione composta \(f(g(x))\), quale funzione si risolve prima?

g(x)

Se \(f(x)=-f(-x)\), la funzione è 

dispari

\(f^{-1}(x)\) indica una funzione

inversa

Se \(f(x)=2x+x^2\) e \(g(x)=3x\), calcola \(f(g(5))\)

255

Data la funzione polinomiale \(f(x)=2x^3+x^2-\frac{1}{2}\), qual è il valore di \(f(x)\) per \(x=-1\)?

\(\frac{5}{2}\) 

SCOPRI DI PIÙ RIGUARDO Analisi matematica
60%

degli utenti non supera il quiz di Analisi matematica! Tu lo passeresti?

INIZIA IL QUIZ

Scopri i migliori contenuti per le tue materie

Iscriviti per sottolineare e prendere appunti. É tutto gratis.