Cellule procariote e virus

Le caratteristiche principali degli organismi procarioti risiedono nel fatto di non avere un nucleo vero e proprio e una membrana nucleare, o altri organelli legati alla membrana. I procarioti sono quasi esclusivamente organismi unicellulari, difatti si parla spesso di cellule procariote (sono costituiti da una sola cellula). Tuttavia, i procarioti possono formare delle colonie. Queste colonie sono collegate tra loro, pur non soddisfacendo tutti i criteri di un organismo multicellulare

Cellule procariote e virus Cellule procariote e virus

Create learning materials about Cellule procariote e virus with our free learning app!

  • Instand access to millions of learning materials
  • Flashcards, notes, mock-exams and more
  • Everything you need to ace your exams
Create a free account
Indice

    Gli eucarioti, invece, sono cellule con un nucleo. Il più delle volte gli eucarioti sono multicellulari. I principali tipi di eucarioti sono animali, piante, funghi e protisti. I protisti sono cellule eucariotiche speciali e organismi unicellulari.

    I virus non vengono considerati vere e proprie cellule viventi. Non soddisfano difatti i criteri di un organismo vivente. I criteri di un organismo vivente sono:

    • Sensibilità e risposta all'ambiente.
    • Riproduzione.
    • Crescita e sviluppo.
    • Omeostasi.
    • Elaborazione dell'energia.

    Organismi procarioti

    Esistono due tipi principali di procarioti: i batteri e gli archei. Le differenze principali riguardano le membrane cellulari e le condizioni in cui questi procarioti si trovano. I batteri sono caratterizzati dal doppio strato di fosfolipidi, mentre gli archei hanno un monostrato. Gli archei si trovano solo in condizioni estreme, come i geyser caldi. I batteri, invece, si trovano ovunque sulla terra, anche nel corpo umano.

    Differenze tra procarioti ed eucarioti

    Le strutture delle cellule eucariotiche e procariotiche sono diverse. Hanno in comune alcuni organelli, come la membrana plasmatica e il citoplasma. Tuttavia, alcuni organelli con una struttura specializzata per la produzione di ATP (mitocondri) o per la fotosintesi (cloroplasto) sono presenti solo nelle cellule eucariotiche.

    La struttura della cellula eucariotica è molto più complessa di quella procariotica. Nel corpo umano, ad esempio, le cellule eucariotiche formano tessuti, organi e sistemi di organi.

    Procarioti: i batteri

    Nei prossimi paragrafi verranno trattati brevemente la classificazione e la riproduzione dei batteri.

    Classificazione

    I batteri possono essere classificati attraverso la colorazione di Gram o in base alla loro forma. Vediamo come funzionano queste classificazioni.

    Colorazione di Gram

    I batteri possono essere suddivisi in due gruppi principali: gram-negativi e gram-positivi. I batteri vengono classificati in questo modo utilizzando la colorazione di Gram. La colorazione di Gram (che è viola) colora la parete cellulare del batterio e determina il risultato complessivo della colorazione.

    Quando applichiamo la colorazione di Gram viola, il batterio Gram-positivo si colorerà di un viola intenso, mentre quello Gram-negativo di un rosso pallido. Perché i batteri Gram-positivi mantengono il colore viola? Perché i batteri Gram-positivi hanno una spessa parete cellulare di peptidoglicano.

    Da dove proviene il colore rosso nei batteri Gram-negativi? Dalla controcolorazione, la safranina.

    La safranina viene utilizzata come colorante nel test di Gram per aiutare a distinguere i due tipi di batteri. Gli scienziati possono utilizzare altri controcoloranti a seconda della natura dell'esperimento/della macchia.

    Esempi di batteri Gram-positivi includono lo Streptococco. Esempi di batteri Gram-negativi sono la clamidia e l'Helicobacter pilorii.

    Forma

    I batteri possono essere classificati anche in base alla loro forma. I batteri rotondi sono noti come cocci, quelli cilindrici come bacilli, quelli a forma di spirale come spirilla e quelli a forma di virgola come vibrioni. Esistono anche altri tipi di batteri meno comuni, come quelli a forma di stella o di rettangolo.

    Riproduzione

    I batteri si riproducono per lo più per via asessuata. La forma più comune di riproduzione nei batteri è chiamata fissione binaria.

    La fissione binaria è un processo in cui una cellula batterica copia il suo materiale genetico, cresce e poi si divide in due cellule, creando una replica esatta della cellula madre.

    La coniugazione batterica coinvolge due batteri, ma non è una forma di riproduzione. Durante la coniugazione batterica, le informazioni genetiche sotto forma di plasmidi vengono trasferite da una cellula all'altra attraverso i pili. Questo spesso conferisce ai batteri riceventi un vantaggio, come la resistenza agli antibiotici. Questo processo non produce un nuovo batterio. Si tratta piuttosto di una versione "tampone" di quello precedente.

    Procarioti: archea

    Oltre ai batteri, gli archei sono l'altro pilastro dei procarioti. Si trovano in ambienti estremi come geyser e vulcani. Si sono evoluti per funzionare al meglio in quegli ambienti. Gli archei sono per lo più unicellulari.

    Alcune ricerche suggeriscono che gli archei potrebbero essere all'origine degli eucarioti, poiché condividono tratti sia con i procarioti che con gli eucarioti.

    Strutture virali

    I virus sono microbi non viventi. Ciò significa che hanno bisogno di un qualche tipo di ospite per riprodursi, poiché non possono farlo da soli. Tuttavia, dispongono di materiale genetico, DNA o RNA. Introducono il DNA o l'RNA nella cellula ospite. La cellula viene quindi manipolata per produrre le parti del virus, dopodiché di solito muore.

    I virus hanno meno componenti delle cellule. Sono costituiti da materiale genetico sotto forma di DNA o RNA, da una capsula proteica attorno al materiale genetico chiamata capside e, talvolta, da una membrana lipidica. Hanno anche enzimi che rompono la parete cellulare o la membrana e possono avere un enzima che trascrive l'RNA in DNA. Questo enzima è chiamato trascrittasi inversa. I virus non hanno organelli, motivo per cui non possono produrre le proprie proteine; non hanno ribosomi. I virus sono molto più piccoli delle cellule e non si vedono quasi mai al microscopio ottico.

    Impatto dei virus sulle cellule procariote ed eucariote

    I virus possono infettare piante, animali, esseri umani e procarioti.

    Un virus spesso causa una malattia nell'ospite inducendo la morte cellulare. Il più delle volte, i virus infettano solo una specie, come l'uomo. Un virus che infetta i procarioti non infetterà mai l'uomo, ad esempio. Tuttavia, esistono casi in cui un virus può infettare animali diversi.

    Un esempio comune dell'effetto dei virus nelle cellule procariotiche sono i batteriofagi. Si tratta di un gruppo di virus che infettano esclusivamente i batteri.

    I virus infettano le cellule ospiti:

    • Attaccandosi alla cellula ospite.
    • Iniettando il loro DNA o RNA nella cellula ospite.
    • Il DNA o l'RNA vengono tradotti e trascritti in proteine che costituiscono i componenti virali chiamati virioni. I virioni vengono rilasciati e di solito la cellula ospite muore.
    • Il processo si ripete con un numero sempre maggiore di virioni.

    Studiare virus e organismi procarioti

    I batteri vengono solitamente coltivati in colture utilizzando un terreno con sostanze nutritive in cui possono moltiplicarsi rapidamente. La moltiplicazione dei batteri è esponenziale, perché il numero di batteri raddoppia sempre: da uno a quattro, a otto, ecc. Ciò significa che i batteri si replicano molto rapidamente e spesso possono essere osservati al microscopio ottico.

    I virus, invece, sono molto più piccoli e non possono crescere da soli. Hanno bisogno di una cellula in cui crescere e, nella maggior parte dei casi, possono essere osservati solo al microscopio elettronico. Per fare un confronto, la dimensione media dei batteri è di circa 2 micrometri, mentre la dimensione media di un virus è compresa tra 20 e 400 nanometri.

    Cellule procariote e virus - Punti chiave

    • I procarioti sono quasi esclusivamente organismi unicellulari, non hanno un nucleo.
    • I procarioti (come i batteri) sono cellule viventi. I virus non sono definiti viventi.
    • Sia i virus che i batteri possono causare infezioni, ma in modi diversi.
    • I virus hanno bisogno di un ospite per riprodursi.
    • I batteri sono molto più grandi dei virus.
    Domande frequenti riguardo Cellule procariote e virus

    Che cos'è una cellula procariote?

    Gli cellule procarioti sono quasi esclusivamente organismi unicellulari: sono costituiti da una sola cellula. Tuttavia, i procarioti possono formare delle colonie. Queste colonie sono collegate tra loro, ma non soddisfano tutti i criteri di un organismo multicellulare.  

    Che cos'è un virus?

    Un virus può essere considerata un'entità biologica con caratteristiche parassitarie intracellulari o simbionti, cioè in grado di riprodursi e vivere soltanto all'interno di cellule viventi.

    Qual'è la caratteristica principale di una cellula procariote?

    Le cellule procariote sono prive di nucleo ben definito e delimitato da una membrana nucleare, e gli unici organuli presenti sono i ribosomi. Le dimensioni sono nell'ordine di pochi micron.

    Qual'è la caratteristica principale di un virus?

    Un virus può essere considerata un'entità biologica con caratteristiche parassitarie intracellulari o simbionti, cioè in grado di riprodursi e vivere soltanto all'interno di cellule viventi. Per tale motivo virus non vengono considerati vere e proprie cellule viventi. 

    Come vengono considerati i virus?

    I virus non vengono considerati vere e proprie cellule viventi. Difatti, essi non soddisfano i criteri di un organismo vivente.

    Metti alla prova le tue conoscenze con schede a scelta multipla

    I procarioti sono quasi esclusivamente organismi unicellulari.

    I procarioti possono formare delle colonie.

    Gli eucarioti sono cellule con un nucleo. Il più delle volte gli eucarioti sono multicellulari. 

    Avanti

    Discover learning materials with the free StudySmarter app

    Iscriviti gratuitamente
    1
    About StudySmarter

    StudySmarter is a globally recognized educational technology company, offering a holistic learning platform designed for students of all ages and educational levels. Our platform provides learning support for a wide range of subjects, including STEM, Social Sciences, and Languages and also helps students to successfully master various tests and exams worldwide, such as GCSE, A Level, SAT, ACT, Abitur, and more. We offer an extensive library of learning materials, including interactive flashcards, comprehensive textbook solutions, and detailed explanations. The cutting-edge technology and tools we provide help students create their own learning materials. StudySmarter’s content is not only expert-verified but also regularly updated to ensure accuracy and relevance.

    Learn more
    StudySmarter Editorial Team

    Team Biologia Teachers

    • 7 minutes reading time
    • Checked by StudySmarter Editorial Team
    Save Explanation

    Study anywhere. Anytime.Across all devices.

    Sign-up for free

    Iscriviti per sottolineare e prendere appunti. É tutto gratis.

    Join over 22 million students in learning with our StudySmarter App

    The first learning app that truly has everything you need to ace your exams in one place

    • Flashcards & Quizzes
    • AI Study Assistant
    • Study Planner
    • Mock-Exams
    • Smart Note-Taking
    Join over 22 million students in learning with our StudySmarter App

    Get unlimited access with a free StudySmarter account.

    • Instant access to millions of learning materials.
    • Flashcards, notes, mock-exams, AI tools and more.
    • Everything you need to ace your exams.
    Second Popup Banner