Log In Iscriviti
L'app all-in-one per gli studenti
4.8 • +11K recensioni
Più di 3 milioni di downloads
Free
|
|

All-in-one learning app

  • Flashcards
  • NotesNotes
  • ExplanationsExplanations
  • Study Planner
  • Textbook solutions
Start studying

Legami chimici

Immagina un mondo senza legami, per essere precisi, senza legami chimici. Gli atomi si ignorano l'un l'altro e vanno alla deriva nello spazio, facendosi gli affari propri. L'acqua dell'oceano si divide in gas di idrogeno e ossigeno, che si espande fino a 1500 volte il loro volume liquido. Gli atomi di cloro dei sali disciolti nell'acqua formano una nube tossica che avvelena tutta gli esseri viventi. Non ci sarebbe né vita, né acqua, né niente di niente. Tutte le reazioni che avvengono e tutte le molecole che troviamo nella vita esistono solo grazie ai legami. Gli unici elementi che comunemente troviamo liberi in natura senza legami sono i gas nobili.

Il legame chimico è la forza che unisce gli atomi per formare composti, molecole, ioni, cristalli e tutte le altre sostanze che compongono il mondo. È causato dall'attrazione elettrostatica tra cariche positive e negative degli atomi.

Esistono due categorie di legami, noti come legami primari e secondari. Il legame primario è quello a cui la maggior parte delle persone pensa quando si parla appunto di legami. I legami primari sono noti anche come forze intramolecolari. Hanno luogo tra atomi all'interno della stessa molecola. Sono generalmente forti e difficili da rompere.

I legami secondari, invece, sono molto più deboli. Sono comunemente noti come forze intermolecolari, poiché avvengono tra molecole. Quando qui si parla di legami, si intende il legame primario, a meno che non sia specificato diversamente.

Perchè si formano i legami?

I legami si formano perchè gli atomi aspirano ad essere stabili e a trovarsi nello stato energetico più basso possibile. Pertanto, combinandosi con altri atomi attraverso varie combinazioni, possono formare sostanze con stati energetici più bassi.

La stabilità dipende dal numero di elettroni che un atomo ha nel suo guscio esterno. Per essere stabile al massimo, un atomo deve avere un guscio esterno pieno di elettroni, come quello di un gas nobile. Ecco perché i gas nobili non formano facilmente legami con altri atomi. Sono già stabili al massimo! Si presentano invece come gas monoatomici.

Le sostanze monoatomiche sono costituite da un solo atomo. Invece di legarsi con altri atomi, ogni atomo fluttua nello spazio in solitudine.

Gli atomi legati tra loro formano molecole o composti.

Una molecola è costituita da due o più atomi legati tra loro chimicamente. Se questi atomi provengono da due o più elementi diversi, la molecola viene chiamata composto.

Tipi di legami chimici

Abbiamo già detto che il legame avviene per attrazione tra cariche positive e negative. Dovresti sapere che gli atomi sono composti da protoni, neutroni ed elettroni. La tabella seguente riassume le loro cariche e la loro posizione all'interno dell'atomo.

ParticellaCaricaPosizione all'interno dell'atomo
Protone+1Nel nucleo
Neutrone0Nel nucleo
Elettrone-1Attorno al nucleo
Tabella 1.Confronto tra protoni, neutroni ed elettroni.

Si può notare che i protoni hanno una carica positiva e gli elettroni una carica negativa. Queste sono le uniche particelle cariche all'interno di un atomo. Tutta l'attrazione, e quindi tutti i legami, devono avvenire tra protoni ed elettroni.

Sappiamo che gli atomi cercano di formare legami per ottenere un guscio esterno completo di elettroni. Lo fanno spostando gli elettroni. Possono farlo in tre modi diversi, che si traducono in tre diversi tipi di legame:

  • Condividendo gli elettroni si ottiene il legame covalente.
  • Donando elettroni si ottiene un legame ionico.
  • La delocalizzazione degli elettroni dà luogo al legame metallico.

Legame covalente

Gli atomi legati in modo covalente condividono gli elettroni l'uno con l'altro in modo da avere i gusci esterni pieni di elettroni.

Un legame covalente consiste in una coppia di elettroni condivisa.

Solo i non metalli formano legami covalenti. Gli orbitali degli elettroni di due atomi diversi si sovrappongono e si forma una coppia di elettroni condivisa utilizzando un elettrone di ciascun atomo. Il legame è tenuto insieme dall'attrazione tra la coppia di elettroni negativi condivisi e i nuclei positivi dei due atomi.

Legami chimici protoni elettroni neutroni StudySmarter Originals

Figura 1. Una figura che mostra il legame covalente. Ogni legame contiene un elettrone del carbonio e un elettrone dell'idrogeno. Fonte: commons.wikimedia.org

Legame ionico

Il legame ionico si verifica tra metalli e non metalli. I legami ionici si formano quando un atomo di metallo dona elettroni a un non metallo. Si formano così atomi carichi, detti ioni, che si attraggono l'un l'altro. Un legame ionico è l'attrazione elettrostatica tra ioni di carica opposta.

Legami chimici legame ionico esempio cloruro di sodio StudySmarter OriginalsFigura 2. Un diagramma che mostra il legame ionico. Ogni atomo di sodio dona un elettrone ad un atomo di cloro formando ioni sodio positivi e ioni cloro negativi. Fonte: commons.wikimedia.org

Legame metallico

Per avere un guscio elettronico esterno completo, un metallo si comporta diversamente rispetto a quello che abbiamo appena spiegato. Gli elettroni esterni si delocalizzano e il metallo forma ioni metallici positivi. A differenza del legame ionico, in cui gli elettroni vengono raccolti da un altro atomo, nel legame metallico gli elettroni fluttuano liberamente all'interno della struttura. L'attrazione tra gli elettroni negativi e gli ioni metallici positivi tiene unito il metallo

Il legame metallico è l'attrazione elettrostatica tra gli elettroni delocalizzati e gli ioni metallici positivi.

Legami chimici legame metallico esempio sodio StudySmarter OriginalsFigura 3. Legame metallico nel sodio. Ogni atomo di sodio perde un elettrone per formare uno ione positivo. Gli elettroni sono delocalizzati e si muovono all'interno della struttura.

Forze intermolecolari - legami secondari

Come sapete, le sostanze costituite da due o più atomi uniti da legami chimici sono chiamate molecole. Ad esempio, due atomi di idrogeno e uno di ossigeno si legano per formare una molecola d'acqua. Sappiamo che i legami si trovano all'interno delle molecole. Quali forze si trovano tra le molecole?

La risposta è Forze intermolecolari, che sono anche note come legami secondari. Ci sono tre diversi tipi:

  • Forze di Van der Waals.
  • Forze permanenti dipolo-dipolo.
  • Legame a idrogeno.

Forze di Van der Waals

Le forze di Van der Waals sono il tipo più debole di forza intermolecolare. Si verificano tra tutte le molecole. Il movimento casuale degli elettroni all'interno di una molecola provoca un dipolo temporaneo, che induce un dipolo in una molecola vicina. L'attrazione tra i due dipoli tiene unite le molecole.

Forze permanenti dipolo-dipolo

In alcune molecole, gli elettroni sono distribuiti in modo permanente e non uniforme. Ciò significa che un lato della molecola è costantemente più negativo dell'altro e si parla di dipolo permanente. I dipoli con carica opposta si attraggono. Queste forze sono note come forze dipolo-dipolo permanenti e sono più forti delle forze di van der Waals.

Legame a idrogeno

Alcune molecole contenenti atomi di idrogeno sperimentano un tipo di forza intermolecolare ancora più forte che chiamiamo legame a idrogeno. Si verifica tra molecole che hanno un atomo di idrogeno legato a un atomo di ossigeno, azoto o fluoro.

Il diagramma seguente classifica i diversi tipi di legami primari e secondari, noti anche come forze intramolecolari e intermolecolari, in base alla loro forza relativa.

Sebbene i legami idrogeno siano il tipo di forza intermolecolare più forte, sono ancora molto più deboli delle forze intramolecolari come i legami covalenti, ionici e metallici. Per uno sguardo più dettagliato ai diversi tipi di legami e forze, consultate Legame covalente, Legame ionico, Legame metallico e Forze intermolecolari.

Legami chimici forza relativa forze intermolecolari StudySmarter OriginalsFIgura 4. Un diagramma che mostra la forza relativa delle forze intermolecolari e intramolecolari.

Legami e struttura

Basta osservare gli oggetti di uso quotidiano per capire che i diversi tipi di legame producono strutture molto diverse. Prendiamo ad esempio un anello di diamanti. Il metallo che compone l'anello è facilmente fuso o battuto nella sua forma circolare a toro, ma il diamante incastonato al centro è estremamente duro e resistente. In effetti, il diamante non si scioglie affatto in condizioni atmosferiche normali. Se lo si riscalda a temperature estremamente elevate, si sublima, cioè si trasforma in un gas.

Questo perché i metalli si legano con legami metallici, mentre il diamante con legami covalenti. Ciò conferisce alle due sostanze, struttura e proprietà molto diverse. Tuttavia, anche l'ossigeno è una molecola covalente, ma si comporta in modo completamente diverso dal diamante! Guardate ad esempio i loro stati della materia. Abbiamo appena imparato che il diamante ha bisogno di temperature estreme per sublimare, ma l'ossigeno, al contrario, è un gas a temperatura ambiente. Possiamo quindi dedurre che non è solo il tipo di legame a influenzare le proprietà di una molecola, ma anche la struttura e la disposizione degli atomi e il modo in cui i legami tengono insieme la molecola. La seguente tabella riassume i diversi tipi di strutture che troviamo in chimica.

StrutturaTipo di legameProprietàEsempio
Molecola sempliceCovalentePunto di ebollizione e fusione bassi. Scarsi conduttori.Ossigeno, O2
Reticolo covalenteCovalentePunto di ebollizione e fusione alti. Scarsi conduttori.Duri.Diamante, C
Reticolo ionico IonicoPunto di ebollizione e fusione alti. Solubili.Buoni conduttori quando in soluzione acquosa. Fragili.Cloruro di sodio, NaCl
Reticolo metallico MetallicoPunto di ebollizione e fusione alti. Insolubili.Buoni conduttori.Duttili e malleabili.Sodio, Na

Tabella 1. Confronto tra diverse strutture che i legami possono formare.

Legami e geometria molecolare

In precedenza abbiamo appreso come i metalli e le sostanze ioniche formino dei reticoli. Anche alcune sostanze covalenti lo fanno.

Un reticolo è una disposizione regolare e ripetuta di atomi o molecole.

Per esempio, il reticolo ionico del cloruro di sodio alterna ioni positivi di sodio e ioni negativi di cloruro. Tuttavia, una semplice molecola covalente non ha una struttura reticolare. Al contrario, forma una molecola con una geometria specifica, a seconda del numero di coppie di elettroni e di legami covalenti che contiene.

La geometria della molecola è dettata dalle coppie di elettroni. Immagina due magneti. Se si tengono vicini i due poli sud, cercheranno di separarsi. Questo perché cariche simili si respingono. Le coppie di elettroni sono molto simili. Se mettiamo insieme un gruppo di coppie di elettroni nel guscio di un atomo, queste si respingeranno a vicenda, cercando di allontanarsi il più possibile. Se tutte le coppie di elettroni fanno parte di legami covalenti, i legami saranno equidistanti. Ma le coppie di elettroni che non fanno parte di un legame, note come coppie solitarie, hanno una forza repulsiva più forte delle coppie impegnate nei legami. Respingono maggiormente le altre coppie di elettroni e schiacciano le coppie legate tra loro.

Un esempio è il metano, CH4. Ha quattro coppie di elettroni nel suo guscio esterno. Sono tutte coppie impegnate in legami e si respingono a vicenda in egual misura. L'angolo tra ciascuna delle coppie legate è di 109,5°. Anche l'acqua (H2O) ha quattro coppie di elettroni nel suo guscio esterno. Tuttavia, due di queste coppie non sono legate, ma sono coppie di elettroni solitari. Questo riduce l'angolo di legame a soli 104,5°.

La tabella seguente riassume le geometrie delle diverse molecole covalenti. Sono presenti anche dei diagrammi che ti aiuteranno a consolidare le vostre conoscenze.

NomeCoppie di elettroniAngolo di legame EsempioFigura
Lineare2 legate180BeCl2

Legami chimici BeCl2 geometria lineare StudySmarter Originals

Trigonale planare3 legate120BF3

Legami chimici BF3 geometria trigonale planare StudySmarter Originals

Tetraedrica4 legate109.5°CH4

Legami chimici CH4 geometria tetraedrica StudySmarter Originals

Piramidale3 legate, 1 solitaria107°NH3

Legami chimici NH3 geometria piramidale  StudySmarter Originals

Geometria angolare2 legate, 2 solitarie104.5°H2O

Legami chimici H2O geometria angolare StudySmarter Originals

Trigonale bipiramidale5 legate90° o 120°PCl5

Legami chimici PCl5 geometria trigonale bipiramidale StudySmarter Originals

Ottaedrica6 legate90°SF6

Legami chimici SF6 geometria ottaedrica StudySmarter Originals

Tabella 3. Confrontro tra le diverse geometrie molecolari.

Legami chimici - Punti chiave

    • Il legame è l'interazione tra diversi atomi per formare molecole, composti e tutte le altre sostanze esistenti.
    • Gli atomi si legano per raggiungere uno stato energetico più stabile. Questo avviene solitamente spostando gli elettroni per ottenere un guscio elettronico esterno completo, come quello di un gas nobile.
    • I legami primari sono noti anche come forze intramolecolari e si formano all'interno delle molecole. Sono molto più forti dei legami secondari, noti anche come forze intermolecolari. I legami secondari si verificano tra le molecole.
    • I tre tipi di legame primario sono il legame covalente, ionico e metallico.
    • I tre tipi di legame secondario sono le forze di van der Waals, le forze dipolo-dipolo permanenti e il legame a idrogeno.
    • I legami influenzano la forma, la struttura e le proprietà di una molecola o di un composto.

Domande frequenti riguardo Legami chimici

I legami chimici si dividono in legami chimici primari (o forze intramolecolari) e legami chimici secondari (o forze intermolecolari).

Un legame chimico si forma a partire dall'attrazione elettrostatica tra cariche positive e negative degli atomi.

In un legame covalente gli elettroni vengono condivisi mentre in un legame ionico gli elettroni vengono donati da un atomo all'altro.

Il legame più forte è il legame a idrogeno.

Il numero di legami che un atomo può formare dipende dall'atomo stesso, ovvero dal numero di elettroni disponibili nel guscio più esterno.

Quiz Finale Legami chimici

Domanda

Indicare l'angolo di legame in una molecola con tre coppie di elettroni impegnate nel legame e una coppia di elettroni solitari.


Visualizza la risposta

Risposta

107°

Visualizza la domanda

Domanda

Cos'è un legame chimico?

Visualizza la risposta

Risposta

Un legame chimico è l'interazione di diversi atomi per formare composti, molecole, ioni, cristalli e tutte le altre sostanze che compongono il mondo. È causato dall'attrazione elettrostatica tra cariche positive e negative degli atomi.

Visualizza la domanda

Domanda

Perchè gli atomi si legano?

Visualizza la risposta

Risposta

Perchè gli atomi aspirano ad essere stabili e a trovarsi nello stato energetico più basso possibile. Combinandosi con altri atomi attraverso in varie combinazioni, possono formare sostanze con stati energetici molto più bassi.

Visualizza la domanda

Domanda

Quali atomi solitamente non formano legami?

Visualizza la risposta

Risposta

I gas nobili

Visualizza la domanda

Domanda

Le forze all'interno di una molecola sono note come _______.

Visualizza la risposta

Risposta

Forze intramolecolari

Visualizza la domanda

Domanda

Le forze tra le molecole sono note come ________.

Visualizza la risposta

Risposta

Forze intramolecolari

Visualizza la domanda

Domanda

Cos'è un legame covalente?

Visualizza la risposta

Risposta

Un legame covalente consiste in una coppia condivisa di elettroni.

Visualizza la domanda

Domanda

Quale/i tipo/i di atomi sono coinvolti in legami covalenti?

Visualizza la risposta

Risposta

Non ha importanza

Visualizza la domanda

Domanda

Cos'è un legame ionico?

Visualizza la risposta

Risposta

I legami ionici si formano quando un atomo di metallo dona elettroni a un non metallo. 

Visualizza la domanda

Domanda

Quale/i tipo/i di atomi sono coinvolti nei legami ionici?

Visualizza la risposta

Risposta

Non ha importanza

Visualizza la domanda

Domanda

Cos'è un legame metallico?

Visualizza la risposta

Risposta

Il legame metallico è l'attrazione elettrostatica tra gli elettroni delocalizzati e gli ioni metallici positivi.

Visualizza la domanda

Domanda

Quale/i tipo/i di atomi sono coinvolti nei legami metallici?

Visualizza la risposta

Risposta

Non ha importanza

Visualizza la domanda

Domanda

Indica tre tipi di forze intermolecolari.

Visualizza la risposta

Risposta

Forze di Van der Waals

Visualizza la domanda

Domanda

Qual è il tipo di forza intermolecolare più debole?

Visualizza la risposta

Risposta

Forze di Van der Waals

Visualizza la domanda

Domanda

Definire il termine 'reticolo'.

Visualizza la risposta

Risposta

Una disposizione regolare e ripetuta di atomi o molecole.

Visualizza la domanda

Domanda

Le sostanze ioniche possono formare molecole semplici. Vero o falso?

Visualizza la risposta

Risposta

Vero

Visualizza la domanda

Domanda

Elencare quattro proprietà delle strutture reticolari metalliche.

Visualizza la risposta

Risposta

  • Punti di ebollizione e fusione alti. 
  • Insolubili.
  • Buoni conduttori.
  • Duttili e malleabili.

Visualizza la domanda

Domanda

Indicare la geometria di una molecola con due soli legami covalenti e senza coppie di elettroni solitari.

Visualizza la risposta

Risposta

Tetraedrica

Visualizza la domanda

Domanda

Indicare l'angolo di legame in una molecola con sei coppie di elettroni impegnati nei legami.

Visualizza la risposta

Risposta

180°

Visualizza la domanda

Domanda

Indicare l'angolo di legame in una molecola con tre coppie di elettroni legati e una coppia di elettroni solitari.

Visualizza la risposta

Risposta

60°

Visualizza la domanda

Domanda

Come si fa a prevedere se un legame è polare?

Visualizza la risposta

Risposta

Se la differenza di elettronegatività è compresa tra 0,5 e 1,9, il legame è un legame covalente polare.

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è l'elettronegatività?

Visualizza la risposta

Risposta

L'elettronegatività è il potere e la capacità di un atomo di attrarre e tirare verso di sé una coppia di elettroni in un legame covalente. 

Visualizza la domanda

Domanda

Quali sono i tre fattori che influenzano l'elettronegatività?

Visualizza la risposta

Risposta

  • Raggio atomico
  • Carica nucleare
  • Schermatura

Visualizza la domanda

Domanda

Spiegare l'andamento dell'elettronegatività scendendo nel gruppo

Visualizza la risposta

Risposta

Scendendo di gruppo nella tavola periodica, l'elettronegatività diminuisce. La carica nucleare aumenta con l'aggiunta di protoni al nucleo. Tuttavia, aumenta anche l'effetto di schermatura, poiché in ogni elemento che scende di gruppo c'è un guscio elettronico riempito in più. Il raggio atomico dell'atomo aumenta man mano che si scende nel gruppo, poiché si aggiungono altri gusci di elettroni, e questo rende l'atomo più grande. Ciò comporta un aumento della distanza tra il nucleo e gli elettroni più esterni, il che significa che la forza di attrazione tra loro è più debole. 

Visualizza la domanda

Domanda

Spiegare le tendenze dell'elettronegatività attraverso un periodo


Visualizza la risposta

Risposta

Quando si passa da un periodo all'altro della tavola periodica, l'elettronegatività aumenta. La carica nucleare aumenta perché aumenta il numero di protoni nel nucleo. Tuttavia, la schermatura rimane costante poiché non vengono aggiunti nuovi gusci agli atomi e gli elettroni vengono aggiunti ogni volta allo stesso guscio. Di conseguenza, il raggio atomico diminuisce perché il guscio più esterno viene avvicinato al nucleo e la distanza tra il nucleo e gli elettroni più esterni diminuisce. Ciò si traduce in una maggiore attrazione per la coppia di elettroni di legame.

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è un dipolo?


Visualizza la risposta

Risposta

Un dipolo è una differenza di carica tra due atomi legati, causata da uno spostamento della densità di elettroni nel legame.

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è la scala di Pauling?


Visualizza la risposta

Risposta

La scala di Pauling è una scala numerica di valori di elettronegatività che può essere utilizzata per prevedere il carattere del legame (covalente non polare, covalente polare o ionico).

Visualizza la domanda

Domanda

Qual è l'elemento più elettronegativo della tavola periodica? 


Visualizza la risposta

Risposta

Il fluoro è l'elemento più elettronegativo con un'elettronegatività di 4,0.

Visualizza la domanda

Domanda

Come si calcola la polarità di legame di una molecola?

Visualizza la risposta

Risposta

Per calcolare la polarità di legame di una molecola è necessario sottrarre il valore di elettronegatività più piccolo da quello più grande.

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è la densità di elettroni?


Visualizza la risposta

Risposta

La concentrazione di elettroni nella nube di elettroni di un atomo.

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è un legame covalente polare?


Visualizza la risposta

Risposta

Un legame covalente polare è un legame in cui gli elettroni sono condivisi in modo diseguale

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è un legame covalente non polare?

Visualizza la risposta

Risposta

Un legame covalente non polare è un legame in cui gli elettroni sono condivisi equamente.

Visualizza la domanda

Domanda

In termini di elettronegatività, come si fa a sapere se un legame è probabilmente ionico?


Visualizza la risposta

Risposta

Se la differenza dei valori di elettronegatività è superiore a 2,0, è probabile che il legame sia ionico.

Visualizza la domanda

Domanda

Quali sono gli elementi meno elettronegativi?


Visualizza la risposta

Risposta

Gli elementi meno elettronegativi hanno un valore di circa 0,7 e sono il cesio e il francio.

Visualizza la domanda

Domanda

Come si fa a prevedere se un legame non è polare?

Visualizza la risposta

Risposta

Se la differenza dei valori di elettronegatività è inferiore a 0,5, il legame è un legame covalente non polare.

Visualizza la domanda

SCOPRI DI PIÙ RIGUARDO Legami chimici
60%

degli utenti non supera il quiz di Legami chimici! Tu lo passeresti?

INIZIA IL QUIZ

Discover the right content for your subjects

Iscriviti per sottolineare e prendere appunti. É tutto gratis.