Log In Iscriviti
L'app all-in-one per gli studenti
4.8 • +11K recensioni
Più di 3 milioni di downloads
Free
|
|

All-in-one learning app

  • Flashcards
  • NotesNotes
  • ExplanationsExplanations
  • Study Planner
  • Textbook solutions
Start studying

Energia chimica

Le reazioni chimiche comportano la rottura dei legami presenti e la creazione di nuovi legami. Questo processo di creazione e rottura di legami richiede energia. Nella maggior parte dei casi, la quantità di energia necessaria per rompere i legami nei reagenti è diversa dalla quantità di energia necessaria per creare i legami nei prodotti.

Questa differenza di energia viene assorbita o rilasciata dalla reazione. Cosa determina se una reazione rilascia o assorbe energia? Continua a leggere per scoprirlo!

  • In questo articolo considereremo l'energia delle reazioni chimiche.
  • Imparerai la differenza tra entalpia e calore.
  • Scoprirai cosa sono la variazione entalpica, l'entalpia di legame, la calorimetria e la legge di Hess.
  • Imparerai a conoscere l'energia associata alle reazioni nucleari.
  • Infine, considereremo l'efficienza e la qualità energetica.

Che cos'è l'energetica in chimica?

L'energetica fa parte di un campo più ampio della chimica chiamato termodinamica o termochimica. Si occupa dei cambiamenti di energia che avvengono in una reazione chimica, mentre la termodinamica si occupa di come questi cambiamenti di energia influenzano le proprietà di un sistema chimico.

L'energetica è lo studio del flusso di energia nelle reazioni chimiche.

Le leggi della termodinamica ci aiutano a capire come si comporta l'energia. Le leggi della termodinamica sono quattro, ma in questo articolo prenderemo in considerazione solo la prima:

Prima legge della termodinamica: "L'energia non può essere creata o distrutta, ma solo convertita da una forma all'altra".

L'energia esiste in diverse forme che si convertono da una all'altra. Per saperne di più sui diversi tipi di energia, consultare la sezione Termodinamica. Nell'energetica chimica, tuttavia, ci interessano solo due forme di energia:

  • Energia chimica, immagazzinata nei legami tra gli atomi.
  • Energia termica, rilasciata o assorbita quando i legami vengono spezzati o creati.

L'energia chimica immagazzinata nei legami tra gli atomi spesso si converte in energia termica che viene rilasciata quando avviene un processo chimico. Una reazione assorbe anche energia termica dall'ambiente circostante per inebriare i legami nei composti. Il bilancio complessivo dell'assorbimento e dell'evoluzione dell'energia termica in una reazione chimica ci dice se il processo chimico è endotermico o esotermico.

Che cosa sono le reazioni endotermiche ed esotermiche?

La rottura dei legami richiede energia sotto forma di calore. Ciò significa che l'energia termica viene assorbita o presa dall'ambiente circostante quando si rompono i legami. Al contrario, la formazione di legami rilascia energia termica. Quando in una reazione chimica si rompono più legami rispetto a quelli che si formano, si verifica un assorbimento complessivo di energia. Questo tipo di reazione viene definito endotermico. D'altra parte, quando si formano più legami di quelli che si rompono, si ha un rilascio complessivo di energia. Questo tipo di reazione viene definito esotermico.

Per chiarire, le reazioni endotermiche assorbono energia, mentre quelle esotermiche la rilasciano. Tutto ciò ha a che fare con il rapporto tra legami rotti e legami formati. La rottura dei legami è un processo endotermico, mentre la formazione dei legami è un processo esotermico. Il bilanciamento tra il rilascio e l'assorbimento dell'energia verrà illustrato più avanti, quando si analizzeranno i diagrammi entalpici.

Energia, formazione di legami endotermici e rottura di legami esotermici, StudySmarterFigura 1. Energetica associata alla formazione e rottura dei legami.

Nell'ambito dell'energetica, imparerai come l'energia termica si trasferisce all'interno e all'esterno di una reazione chimica. Inoltre, scoprirai l'entalpia.

Che cos'è l'entalpia? Che cos'ha di speciale e in che modo l'entalpia è diversa dal calore? Approfondiamo l'argomento.

Che cos'è l'entalpia?

L'entalpia (H), o contenuto di calore, è la quantità di energia termica (o calore) immagazzinata in un sistema. Si misura in chilojoule per mole (kJ mol-1).

In energetica, chiamiamo la miscela di reazione il sistema e tutto ciò che è al di fuori del sistema, come il laboratorio in cui si sperimenta, l'ambiente circostante.

Quando una reazione assorbe energia, l'entalpia totale del sistema aumenta. Quando rilascia energia, l'entalpia totale diminuisce. Non possiamo misurare direttamente l'entalpia totale di un sistema, ma possiamo misurare le variazioni di entalpia che avvengono in una reazione chimica.

La variazione di entalpia (∆H) è la quantità di energia termica assorbita o sviluppata in una reazione chimica a pressione costante.

La lettera greca delta "∆" significa "variazione di". Ad esempio, ∆H è la variazione di entalpia, ∆T è la variazione di temperatura e ∆S è la variazione di entropia.

L'entalpia è una variabile che chiamiamo funzione di stato. Le funzioni di stato sono indipendenti dal percorso di reazione, il che significa che il valore della variabile rimane lo stesso, indipendentemente dal modo in cui ci si arriva.

Per esempio, hai tre percorsi che puoi fare per tornare a casa da scuola. Tutti e tre i percorsi misurano distanze diverse, ma richiedono la stessa quantità di tempo. In questo caso, il tempo impiegato per arrivare a casa è indipendente dal percorso.

Le funzioni di stato ci permettono di calcolare la variazione di entalpia. Se conosciamo un percorso alternativo per una reazione, possiamo calcolare la variazione di entalpia. Poiché ∆H è indipendente dal percorso, il suo valore sarà lo stesso per una reazione, purché si parta dagli stessi reagenti e si arrivi agli stessi prodotti.

In che modo l'entalpia differisce dal calore?

Probabilmente sei ancora curioso di sapere in che modo l'entalpia si differenzia dal calore. Nella maggior parte dei casi, quando si parla di "entalpia" si intende anche "calore". Questo è corretto, quando si ha pressione e volume costanti, q=H. Tuttavia, entalpia e calore non sono esattamente intercambiabili.

Cominciamo con il calore. Il calore è una forma di energia. Diciamo che è l'energia che viene scambiata tra un sistema e l'ambiente circostante a causa di una differenza di temperatura. Ad esempio, sappiamo che se mettiamo un cubetto di ghiaccio accanto a una tazza di acqua calda, il calore passerà dalla tazza d'acqua al ghiaccio.

Il calore (q o Q) è l'energia che viene scambiata tra un sistema e l'ambiente circostante a causa di una differenza di temperatura. Poiché il calore è energia, lo misuriamo in joule.

Come abbiamo visto con l'esempio del cubetto di ghiaccio e della tazza di acqua calda, il calore è energia in movimento. Il calore si muove sempre da un sistema caldo a uno più freddo.

L'entalpia è la quantità di energia termica presente in un sistema. Il calore è ciò che chiamiamo trasferimento di energia termica. L'entalpia è una parte essenziale di un sistema, poiché dipende dal numero di molecole, dalla composizione chimica e dalla struttura. Il calore, invece, è l'energia che attraversa i confini di un sistema. Il calore và e viene, non è una parte essenziale di un sistema.

Quando il calore lascia o entra in un sistema, si verifica una variazione di entalpia. A pressione costante il flusso di calore è direttamente correlato all'entalpia. Fortunatamente, la maggior parte degli esperimenti viene eseguita a pressione costante, quindi è possibile calcolare la variazione di entalpia se si conosce il valore di q. Per saperne di più, consultare la sezione Calorimetria.

Diagramma entalpico

Utilizziamo i diagrammi entalpici (chiamati anche diagrammi energetici) per illustrare come cambia l'entalpia in una reazione chimica.

  1. Disegnamo i reagenti e i prodotti a livelli diversi che corrispondono alla loro energia.
  2. Usiamo le frecce per mostrare la rottura e la creazione di nuovi legami.
  3. Quando i legami si rompono, l'energia viene assorbita. Lo mostriamo disegnando una freccia verso l'alto.
  4. Quando i legami si formano, l'energia viene rilasciata. Lo mostriamo disegnando una freccia verso l'alto.

L'entalpia è una misura specifica dell'energia. Una variazione di entalpia equivale a una variazione di energia.

Il bilancio energetico tra la creazione e la rottura dei legami ci dice se una reazione è endotermica o esotermica. Si può vedere come funziona il diagramma entalpico qui sotto. I diagrammi energetici sono preziosi perché permettono di capire facilmente se una reazione è endotermica o esotermica.

Energia, come disegnare un diagramma entalpico, StudySmarterFigura 2. Come disegnare un diagramma entalpico.

Per illustrare ulteriormente questo aspetto, dai un'occhata ad un altro diagramma entalpico qui sotto. Mostra la combustione del metano CH4 + 2O2 → CO2 + 2H2O. Dal diagramma energetico si può notare che l'energia rilasciata nella formazione di nuovi legami è maggiore dell'energia assorbita per rompere i legami. Ciò rende la combustione del metano una reazione esotermica.

Energetica, diagramma entalpico della combustione del metano, StudySmarterFigura 3. Diagramma entalpico: combustione del metano.

Per saperne di più sui diagrammi entalpici, consultare la sezione Cambiamenti di entalpia. Parliamo ora dell'entalpia di legame.

Che cos'è l'entalpia di legame?

Nel diagramma energetico sopra riportato, l'energia assorbita per rompere ciascun legame C-H e il legame O-O è nota come entalpia di legame, o energia di legame.

L'entalpia di legame (E) è la quantità di energia necessaria per rompere una mole di uno specifico legame covalente in fase gassosa.

Il valore dell'energia che si sviluppa quando si crea un legame è lo stesso che viene assorbito quando un legame si rompe. Possiamo usare le entalpie di legame per calcolare la variazione di entalpia di una reazione. Quando si effettuano calcoli con le entalpie di legame, si utilizza una media di tutte le entalpie di legame dello stesso legame in ambienti diversi. Questa viene chiamata entalpia di legame media. Per saperne di più, consultare la sezione Entalpia di Legame.

Calorimetria

Abbiamo già detto che se conosciamo il valore di q (flusso di calore), possiamo calcolare la variazione di entalpia in una reazione.

La calorimetria è un metodo per misurare i cambiamenti entalpici che avvengono durante una reazione chimica.

È sufficiente sigillare le sostanze chimiche in reazione all'interno di un contenitore con un termometro per registrare qualsiasi variazione di temperatura. Possiamo utilizzare questa variazione di temperatura per calcolare la variazione di entalpia della reazione utilizzando la seguente equazione:

q = mcΔT

  • q è l'energia trasferita, misurata in joule (J).
  • m è la massa dell'acqua in grammi (g).
  • c è la capacità termica specifica (J g-1 ºC-1).
  • ΔT è la variazione di temperatura misurata in Kelvin (K) o gradi Celsius.

Energia, calorimetro, StudySmarterFigura 4. Calorimetro. Fonte:Opentextbc.ca

La capacità termica specifica (c) è l'energia necessaria per aumentare di 1°C la temperatura di 1 g di un determinato liquido. Ad esempio, l'acqua ha una capacità termica specifica di 4,18 J g-1 ºC-1 . Per saperne di più sul calore specifico, consultare la sezione Fisica termica.

In calorimetria si può imparare a condurre un esperimento di calorimetria e a utilizzare i risultati per calcolare la variazione entalpica. A volte non è possibile utilizzare la calorimetria per calcolare le variazioni entalpiche. In questi casi si ricorre alla Legge di Hess.

Che cos'è la legge di Hess?

La legge di Hess afferma che la variazione di entalpia totale di una reazione è indipendente dal percorso della reazione chimica.

Abbiamo già detto che la variazione di entalpia è una funzione di stato; in altre parole, la variazione di entalpia è indipendente dal percorso. Se conosciamo un percorso alternativo per una reazione, possiamo calcolare la variazione di entalpia. Questo principio è l'applicazione della Legge di Hess.

In altre parole, supponiamo di avere una reazione chimica tra i reagenti A e i prodotti B. Si può passare direttamente da A a B, oppure attraverso un intermedio, C. Secondo la legge di Hess, la variazione di entalpia nella reazione A → B è uguale alla somma delle variazioni di entalpia nelle reazioni A → C e C → B! L'immagine seguente illustra questo concetto.

Energetica, illustrazione della legge di Hess, StudySmarterFigura 5. Legge di Hess.

Possiamo applicare l'energetica anche ai processi fisici. Esploriamo ora l'energetica delle reazioni nucleari e l'efficienza energetica.

Energetica delle reazioni nucleari

Nelle reazioni nucleari si nota una variazione visibile della massa quando si verifica un cambiamento di energia.

Vi siete mai imbattuti nell'equazione di Albert Einstein E = mc2 ? Essa spiega la relazione tra la variazione di massa e di energia in una reazione. La chiamiamo equivalenza massa-energia. Che cosa ha a che fare con l'energetica? Ogni volta che si verifica una variazione di energia, si verifica anche una variazione di massa. Questi cambiamenti sono legati dalla costante c2 (la velocità della luce al quadrato).

Nell'equivalenza massa-energia di Albert Einstein, "m" è la variazione netta della massa in chilogrammi e "c" è una costante (la velocità della luce) in metri al secondo. Le due unità standard per esprimere l'energia nucleare sono il joule (J) e il megaelettronvolt (MeV).

I cambiamenti di energia che avvengono nei processi chimici sono insignificanti se paragonati alla quantità di energia rilasciata dalle reazioni nucleari. Poiché le variazioni di energia nelle reazioni nucleari sono così grandi, possiamo osservare una variazione di massa visibile. Questa variazione di massa ci permette di calcolare le variazioni di energia nelle reazioni nucleari. Per farlo utilizziamo la relazione tra l'unità di massa atomica (u.m.a) e il MeV. Gli scienziati hanno capito che 1 u.m.a equivale a 1,4924 x 10-10 joule, cioè a 931,5 MeV!

1 amu = 1.4924 x 10-10 J = 931.5 MeV

u.m.a è il modo in cui ci si riferisce alla massa di un atomo. Per saperne di più, consultare la sezione Quantità di sostanza.

Quando si forma un nucleo, si perde massa e si libera energia come energia di legame nucleare. L'energia di legame nucleare è semplicemente l'energia necessaria per legare insieme protoni e neutroni e formare il nucleo. La perdita di energia è così grande che si manifesta come una perdita di massa.

Questa perdita di massa è nota come difetto di massa. Gli scienziati hanno osservato che la somma delle masse dei singoli protoni e neutroni è superiore alla massa del nucleo nel suo complesso. In altre parole, si parla di difetto di massa quando la massa delle singole particelle subatomiche è superiore a quella del nucleo.

Efficienza energetica

L'energia non può essere creata o distrutta, ma si converte in altre forme di energia come il movimento, il calore, l'elettricità e il suono. Quello che vogliamo fare è sfruttare l'energia sotto forma di lavoro. Il lavoro può essere qualsiasi cosa, dal muovere un'auto, all'illuminare una stanza, al cuocere una torta.

Non è sempre facile far svolgere all'energia il lavoro che vorremmo. Ad esempio, vorremmo che un mixer per torte, girasse, in modo da mescolare uniformemente l'impasto. La maggior parte dell'energia elettrica che forniamo al mixer viene trasformata in energia cinetica che fa girare il mixer. Tuttavia, se hai mai usato un mixer per dolci, sai che una parte dell'energia elettrica viene convertita in energia sonora.

L'energia sonora non è molto utile per mescolare la pastella, quindi la chiamiamo energia sprecata. L'efficienza energetica ci dice quanta dell'energia fornita a un sistema o a una reazione viene convertita nel tipo di energia di lavoro che vogliamo che svolga.

L'efficienza energetica indica il rapporto percentuale tra l'energia prodotta e l'energia immessa in un sistema.

I chimici vorrebbero che le loro reazioni fossero efficienti, poiché i processi efficienti sono più economici, utilizzano meno risorse, producono meno rifiuti e sono più sostenibili. Ad esempio, il metodo della metatesi è un modo per rendere più efficiente la sintesi organica. Nella metatesi, utilizziamo un catalizzatore ad alta efficienza energetica per far sì che le reazioni con un'elevata economia atomica procedano a temperatura e pressione standard. Maggiori informazioni sulla metatesi in Sintesi organica.

Qualità dell'energia

La qualità dell'energia misura la facilità con cui possiamo convertire una forma di energia in un'altra. Nella maggior parte dei casi, vorremmo che l'energia svolgesse un lavoro. Per esempio, abbiamo bisogno che l'energia elettrica fornita a una lampadina si converta in energia luminosa per vedere in uno spazio buio. Tuttavia, una parte di questa energia viene persa sotto forma di calore.

Le lampadine ad alta qualità, come quelle a LED, convertono l'energia elettrica in modo più efficiente, in modo che la maggior parte dell'energia si trasformi in energia luminosa. Le lampadine a filamento di vecchia produzione, invece, non riescono a convertire l'elettricità in luce. La maggior parte dell'energia fornita a una lampadina a filamento si disperde come energia termica! L'energia di bassa qualità non può essere facilmente utilizzata per compiere un lavoro. Di solito, questo accade perché l'energia è troppo disordinata o si disperde rapidamente (per maggiori informazioni, vedere Entropia). L'energia di alta qualità può essere facilmente convertita in lavoro ed è più efficiente.

La qualità energetica è solo una percezione dell'energia. In poche parole, il tipo di energia di alta qualità dipende dal suo impiego. Tutti gli scienziati concordano su quali tipi di energia siano di alta qualità. Alcuni sostengono che l'energia di alta qualità può essere trasformata in altri tipi di energia senza grandi perdite, mentre altri affermano che l'energia di alta qualità può essere utilizzata per svolgere funzioni di alta qualità e bassa qualità.

In generale, l'elettricità è considerata un'energia di alta qualità per la sua efficienza e la capacità di convertirsi in altri tipi di energia. Alcuni scienziati considerano l'energia termica derivante dalla combustione di combustibili come un'energia di bassa qualità, e pensano che possa fare solo cose semplici come far bollire l'acqua.

Energia chimica - Punti chiave

  • Nelle reazioni chimiche l'energia viene assorbita o rilasciata.

  • Le reazioni endotermiche assorbono energia quando il rapporto tra i legami spezzati è maggiore di quelli creati.

  • Le reazioni esotermiche rilasciano energia quando il rapporto tra i legami creati è maggiore di quello dei legami spezzati.

  • L'entalpia di legame è la quantità di energia necessaria per rompere una mole di un legame covalente in fase gassosa.

  • L'energia di legame è influenzata dagli altri atomi della molecola e può quindi variare da composto a composto. Per questo motivo si utilizzano le entalpie medie di legame.

  • La variazione di entalpia (∆H) è la quantità di energia termica assorbita o rilasciata in una reazione chimica a pressione costante.

  • Per le reazioni endotermiche, ΔH è positivo, mentre per quelle esotermiche ΔH è negativo.

  • La calorimetria è un metodo per misurare le variazioni di entalpia che si verificano durante una reazione chimica, misurando la variazione di temperatura.

  • È possibile trovare la variazione di entalpia dalla calorimetria utilizzando l'equazione: q = mcΔT.

  • La legge di Hess afferma che la variazione entalpica totale di una reazione è indipendente dal percorso seguito.

Domande frequenti riguardo Energia chimica

L'energia chimica immagazzinata nei legami tra gli atomi spesso si converte in energia termica che viene rilasciata quando avviene un processo chimico. 

L'energia chimica può essere convertita in energia elettrica o energia termica, rilasciata o assorbita quando i legami vengono spezzati o creati.

L'energia chimica è l'energia immagazzinata nei legami dei composti chimici. Quindi deriva dai legami presenti all'interno delle molecole.

Quiz Finale Energia chimica

Domanda

Che cos'è l'entalpia di legame?

Visualizza la risposta

Risposta

L'entalpia di legame (E) è la quantità di energia necessaria per rompere una mole di uno specifico legame covalente in fase gassosa.

Visualizza la domanda

Domanda

Come si calcola la variazione di entalpia dai risultati di un esperimento di calorimetria?

Visualizza la risposta

Risposta

Utilizzando l'equazione q = mc∆T

Visualizza la domanda

Domanda

Che cosa afferma la legge di Hess?

Visualizza la risposta

Risposta

La legge di Hess afferma che la variazione di entalpia totale di una reazione è indipendente dal percorso della reazione chimica.

Visualizza la domanda

Domanda

A cosa serve la calorimetria?

Visualizza la risposta

Risposta

La calorimetria è un metodo utilizzato per calcolare sperimentalmente il valore della variazione di entalpia in una reazione.

Visualizza la domanda

Domanda

Qual è il simbolo della variazione entalpica?

Visualizza la risposta

Risposta

∆H

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è la variazione entalpica?

Visualizza la risposta

Risposta

La variazione di entalpia (∆H) è la quantità di energia termica assorbita o sviluppata in una reazione chimica a pressione costante.

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è l'entalpia?

Visualizza la risposta

Risposta

L'entalpia (H) o contenuto di calore è la quantità di energia termica immagazzinata in un sistema.

Visualizza la domanda

Domanda

Qual è la prima legge della termodinamica?


Visualizza la risposta

Risposta

La prima legge della termodinamica afferma che l'energia non può essere creata o distrutta, ma solo convertita da una forma all'altra.

Visualizza la domanda

Domanda

Quali delle seguenti variazioni standard di entalpia sono sempre negative?

Visualizza la risposta

Risposta

Neutralizzazione

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è una reazione esotermica?

Visualizza la risposta

Risposta

Una reazione esotermica è una reazione che rilascia energia termica all'ambiente circostante. Nelle reazioni esotermiche, la temperatura dell'ambiente aumenta. La variazione di entalpia ha un valore negativo.

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è lo stato di transizione?

Visualizza la risposta

Risposta

Uno stato instabile nel mezzo di una reazione in cui i vecchi legami sono per metà rotti e i nuovi legami sono per metà formati. A questo punto, la reazione ha la sua massima entalpia.

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è l'energia di attivazione?


Visualizza la risposta

Risposta

La quantità minima di energia necessaria per far avvenire una reazione.

Visualizza la domanda

Domanda

Quali sono le condizioni standard e quando si usano?

Visualizza la risposta

Risposta

Le condizioni standard sono 298K, 100kPa e una concentrazione di 1,00 mol dm-3 . Le usiamo quando misuriamo le variazioni standard di entalpia.

Visualizza la domanda

Domanda

Qual è la variazione entalpica standard della combustione?

Visualizza la risposta

Risposta

La variazione di entalpia quando una mole di una sostanza brucia completamente in ossigeno in condizioni standard con tutte le specie nei loro stati standard.

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è una reazione endotermica?

Visualizza la risposta

Risposta

Le reazioni endotermiche assorbono energia termica dall'ambiente circostante. 

Visualizza la domanda

Domanda

Definire la variazione di entalpia


Visualizza la risposta

Risposta

La variazione di entalpia (∆H) è la quantità di energia termica trasferita in un sistema chimico a pressione costante.


Visualizza la domanda

Domanda

Definire la variazione entalpica standard di una reazione.

Visualizza la risposta

Risposta

La variazione entalpica standard di reazione (∆rHϴ) è la variazione di entalpia quando i reagenti reagiscono per ottenere i prodotti indicati nell'equazione chimica in condizioni standard e nei loro stati standard.

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è la variazione entalpica standard di formazione?


Visualizza la risposta

Risposta

La variazione di entalpia quando una mole di una specie si forma dai suoi elementi, in condizioni standard e con tutte le specie nei loro stati standard.  

Visualizza la domanda

Domanda

Qual è la formula della variazione di entalpia utilizzata in calorimetria?


Visualizza la risposta

Risposta

q = mc∆T 

Visualizza la domanda

Domanda

Definire la variazione entalpica standard della combustione.


Visualizza la risposta

Risposta

La variazione di entalpia standard di combustione (∆cH°) è la variazione di entalpia quando 1 mole di una sostanza brucia completamente in ossigeno in condizioni standard con tutti i reagenti e i prodotti nei loro stati standard.

Visualizza la domanda

Domanda

Definire la variazione entalpica standard di neutralizzazione.


Visualizza la risposta

Risposta

La variazione di entalpia quando una soluzione acida e una soluzione alcalina reagiscono in condizioni standard per formare una mole di acqua.

Visualizza la domanda

Domanda

Cosa sono gli stati standard?


Visualizza la risposta

Risposta

Lo stato di un elemento in condizioni standard.

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è la variazione entalpica standard di reazione?


Visualizza la risposta

Risposta

La variazione di entalpia quando i reagenti formano i prodotti nelle quantità indicate nell'equazione chimica bilanciata, in condizioni standard e con tutte le specie nei loro stati standard.

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è una reazione endotermica?


Visualizza la risposta

Risposta

Le reazioni endotermiche assorbono energia termica dall'ambiente circostante. 

Visualizza la domanda

Domanda

Definire l'entalpia di combustione.

Visualizza la risposta

Risposta

La variazione di entalpia quando una mole di una sostanza viene completamente bruciata in ossigeno in condizioni standard.

Visualizza la domanda

Domanda

Qual è la definizione della legge di Hess?


Visualizza la risposta

Risposta

Secondo la legge di Hess, la variazione di entalpia di una reazione è indipendente dal percorso seguito.

Visualizza la domanda

Domanda

Quale formula possiamo utilizzare quando lavoriamo con i dati dell'entalpia di formazione?

Visualizza la risposta

Risposta

ΔH reazione = Σ ΔHf prodotti - Σ ΔHf reagenti

Visualizza la domanda

Domanda

Quale formula possiamo utilizzare quando lavoriamo con i dati dell'entalpia di combustione?

Visualizza la risposta

Risposta

Reazione ΔH = Σ ΔHc reagenti - Σ ΔHc prodotti

Visualizza la domanda

Domanda

Che cos'è la prima legge della termodinamica e come si collega alla legge di Hess?

Visualizza la risposta

Risposta

L'energia si conserva sempre in una reazione chimica. Ciò significa che la variazione di energia complessiva di una reazione sarà sempre la stessa, indipendentemente dal percorso seguito.

Visualizza la domanda

Domanda

Definire l'entalpia di formazione.

Visualizza la risposta

Risposta

La variazione di entalpia quando una mole di una sostanza si forma dai suoi elementi, con tutte le specie nei loro stati standard e in condizioni standard.

Visualizza la domanda

Domanda

Qual è il valore dell'entalpia di formazione di un elemento non combinato, in kJ mol-1?

Visualizza la risposta

Risposta

0.0

Visualizza la domanda

SCOPRI DI PIÙ RIGUARDO Energia chimica
60%

degli utenti non supera il quiz di Energia chimica! Tu lo passeresti?

INIZIA IL QUIZ

Discover the right content for your subjects

Iscriviti per sottolineare e prendere appunti. É tutto gratis.