Log In Iscriviti
L'app all-in-one per gli studenti
4.8 • +11K recensioni
Più di 3 milioni di downloads
Free
|
|

All-in-one learning app

  • Flashcards
  • NotesNotes
  • ExplanationsExplanations
  • Study Planner
  • Textbook solutions
Start studying

Moto circolare

Moto circolare

Il moto circolare è un moto lungo un percorso circolare attorno a un punto centrale e con un raggio costante. Un esempio di moto circolare è un sasso legato a una corda che viene fatto oscillare in cerchio. La forza centripeta è il nome dato alla forza che mantiene il moto circolare. Agisce lungo il raggio ed è diretta verso il centro dell'orbita.

Moto circolare: definizione

Vediamo subito una definizione di moto circolare:

Un moto circolare è un qualunque tipo di moto che segue una traiettoria che può essere descritta con una circonferenza.

Nel moto circolare, la velocità è sempre tangenziale alla direzione del moto. Se la forza centripeta venisse rimossa, l'oggetto continuerebbe a muoversi nella direzione della sua velocità, interrompendo il moto circolare e avanzando in linea retta. In figura 1, qui sotto, possiamo vedere come un oggetto attaccato a una corda continuerebbe nel suo percorso tangente alla circonferenza se la corda si spezzasse di colpo.

Moto circolare Esempio corda rotta StudySmarterFig. 1 - Un oggetto in moto circolare, se la forza centripeta scomparisse di colpo, continuerebbe tangenzialmente alla circonferenza che descrive nel suo moto.

Moto circolare uniforme

Un esempio particolare di moto circolare è il moto circolare uniforme, ovvero un moto circolare in cui la velocità angolare risulta essere costante.

Il moto circolare uniforme è un moto circolare in cui la velocità angolare è costante.

Moto circolare uniforme: velocità angolare

La velocità angolare è una misura dell'arco di circonferenza percorso dal punto materiale in un certo lasso di tempo. Può essere una quantità sia vettoriale, se è specificato il verso di rotazione che scalare, se si intende la velocità numerica senza alcun verso.

La velocità angolare è lo spostamento angolare per unità di tempo, dove lo spostamento angolare è il numero di radianti di cui un oggetto si è spostato.

Ricordiamo che un radiante equivale all'angolo che si crea al centro di un cerchio quando sulla sua circonferenza si crea un arco di lunghezza uguale al suo raggio. Questo significa che all'interno della circonferenza si possono individuare \(2\pi\) radianti e questa quantità indica il giro completo.

Per ottenere la velocità angolare, è sufficiente dividere lo spostamento angolare in radianti per il tempo impiegato per percorrerlo:

\[\omega=\frac{spostamento \: angolare}{tempo \: impiegato} = \frac{\theta}{t}\]

dove \(\omega\) è la velocità angolare misurata in \(rad/s\), \(t\) è il tempo impiegato (da non confondersi con il periodo \(T\)) e \(\theta\) è lo spostamento angolare nel periodo di tempo (può essere anche maggiore di \(360^{\circ}\) o \(2\pi\)).

In alternativa, essendo il moto uniforme e la velocità costante, possiamo misurare il tempo che il punto materiale impiega a compiere una rotazione completa per calcolare la velocità.

Moto circolare uniforme: periodo

Il periodo, indicato con \(T\), nel moto circolare uniforme è il tempo impiegato dal punto materiale a compiere un giro completo della circonferenza che traccia.

Questo ci permette di scrivere una relazione tra il periodo e la velocità angolare:

\[\omega = \frac{2\pi}{T} \Rightarrow T=\frac{2\pi}{\omega}\]

dove \(\omega\) è la velocità angolare che abbiamo già visto e \(T\) è il periodo del moto.

Moto circolare uniforme: frequenza

Parallelamente al periodo del moto, possiamo definire la frequenza del moto come l'inverso del periodo. La frequenza indica quanti "giri" completi della circonferenza vengono effettuati per ogni unità di tempo trascorsa. Possiamo ovviamente legare questa quantità alla velocità angolare a sua volta.

\[f = \frac{1}{T} \Rightarrow f = \frac{\omega}{2\pi}\]

Moto circolare uniforme: velocità tangenziale

La velocità tangenziale è diversa da quella angolare che abbiamo visto. Essendo sempre tangente alla circonferenza percorsa, questa non è costante in verso, ma solo in modulo.

Per calcolarla, dobbiamo pensare che la velocità rappresenta lo spazio percorso in un certo tempo. Quindi, per una circonferenza, possiamo pensare che questa sia \(2\pi r\), ovvero la lunghezza della circonferenza, divisa per il periodo \(T\) che serve per percorrerla, ovvero

\[v_t = \frac{2\pi r}{T}\]

Moto circolare uniforme: accelerazione

Il costante cambiamento di direzione di un oggetto significa che il vettore velocità cambia continuamente, il che significa che anche l'accelerazione che lo causa cambia continuamente.

Non ricaveremo formalmente l'accelerazione centripeta, ma con un po' di considerazioni geometriche si può ottenere che questa vale:

\[a_c = \frac{v_t^2}{r}\]Questo ci dice che l'accelerazione centripeta è legata alla velocità tangenziale e al raggio della circonferenza percorsa.

Questo ci permette anche di definire la forza centripeta usando la seconda legge di Newton:

\[F_c = m a_c = \frac{m v_t^2}{r}\]

Data questa relazione, possiamo determinare l'accelerazione di un oggetto in moto circolare se conosciamo valori come la forza centripeta, il raggio dell'orbita, la massa e la velocità dell'oggetto. Vediamo il seguente esempio.

Una palla collegata a una barra da una corda segue un moto circolare intorno alla barra a velocità costante. La pallina ha una massa di \(300 g\) e si muove a una velocità di \(3,2 m/s\). Calcolare la forza centripeta se la corda ha una lunghezza di \(1,5 m\). Calcolare quindi l'accelerazione centripeta della pallina intorno alla barra.

Innanzitutto, bisogna calcolare la forza centripeta con \( m = 300g\), \(v = 3,2m/s\) e \(r = 1,5m\).

\[F=\frac{0,3kg \: (3,2m/s)^2}{1,5m}=2,048N\]

Il risultato è 2.048 Newton. Dalle leggi di Newton sappiamo che la forza è uguale alla massa moltiplicata per l'accelerazione:

\[F=2,048 N = m a_c\]

Siccome conosciamo la massa \(m\) dell'oggetto, possiamo dividere \(F\) per \(m\) per determinare l'accelerazione centripeta:

\[a_c=\frac{2,048N}{0,3kg}=6,83 \frac{m}{s^2}\]

Moto circolare uniforme: forza centrifuga

La forza centripeta è un concetto chiave del moto circolare. Non va confusa con la forza centrifuga, che ha un nome simile. La forza centripeta mantiene l'accelerazione angolare, mentre la forza centrifuga è una forza apparente e non è una forza effettivamente applicata al corpo. Questo significa che viene solo percepita solo dall'oggetto che descrive il percorso circolare. La forza centrifuga agisce in direzione opposta a quella centripeta, cioè verso l'esterno.

Moto circolare Forza centrifuga StudySmarterFig. 2 - La forza centrifuga, in blu, è opposta alla forza centripeta, in verde.

Moto circolare uniforme: legge oraria

Abbiamo visto quali sono le grandezze del moto circolare uniforme, ma dobbiamo ancora definire la legge oraria del moto. Non la verificheremo analiticamente, ma si può dimostrare che la legge oraria del moto circolare uniforme è data da:

\[\theta(t) = \theta_0 + \omega t\]

dove \(\theta\) è l'angolo descritto dal punto materiale nel suo moto.

Se osserviamo bene la legge del moto orario, possiamo vedere delle somiglianze con il moto rettilineo uniforme. Vediamo le due equazioni affiancate:

\[\theta(t) = \theta_0 + \omega t\ \qquad x(t) = x_0 + v t\]

Questa similitudine è dovuta al fatto che una circonferenza può essere descritta come una retta se la "srotoliamo" e immaginiamo il punto materiale che si muove lungo questo percorso.

Quando un moto avviene lungo un percorso fisso (che sia una curva, come in questo caso o una superficie) e può essere espresso con delle coordinate più semplici, si parla di un moto vincolato.

Moto circolare uniforme: formule

Ora che abbiamo visto tutte le formule del moto circolare uniforme, possiamo raccoglierle in un'utile tabella, legando le varie quantità tra loro.

velocità tangenziale\(v_t\)velocità angolare\(\omega\)Frequenza\(f\)Periodo\(T\)Accelerazione centripeta\(a_c\)
\[v_t = \frac{2\pi r}{T}\]\[\omega = \frac{2\pi}{T}\]\[f=\frac{1}{T}\]\[T= \frac{1}{f}\]\[a_c=\frac{v^2}{r}\]
\[v_t = \omega r\]\[\omega = 2\pi f\]\[T=\frac{2 \pi r}{v_t}\]\[a_c=\omega^2 r\]
\[v_t = \sqrt{a_c r}\]\[\omega = \frac{v_t}{r}\]\[T=\frac{2 \pi}{\omega}\]
\[\omega = \sqrt{\frac{a_c}{r}}\]

Moto circolare uniformemente accelerato

Tuttavia, il moto circolare non ha sempre velocità angolare uniforme. Esattamente come per il moto rettilineo, si può pensare a introdurre una quantità chiamata accelerazione angolare e indicata con \(\alpha\) e introdurla nelle equazioni che abbiamo visto.

Come per il moto rettilineo possiamo pensare all'accelerazione angolare media come

\[\langle \alpha \rangle = \frac{\Delta \omega}{\Delta t} = \frac{\omega_f - \omega_i}{t_f - t_i}\]

dove \(\Delta \omega\) rappresenta la differenza di velocità angolare tra un istante iniziale \(t_i\) e un istante finale \(t_f\).

Come per la legge oraria del moto circolare uniforme, possiamo immaginare che la legge del moto circolare uniformemente accelerato ricalchi quella del motto rettilineo uniformemente accelerato. Non lo dimostreremo, ma, effettivamente, si può ricavare che la legge oraria del moto circolare uniformemente accelerato vale

\[\theta (t)= \theta_0 + \omega t + \frac{1}{2} \alpha t^2\]

Analogamente, la velocità angolare varierà come:

\[\omega = \omega_0+\alpha t\]

dove, in tutte queste equazioni, il pedice "0" indica la quantità all'istante iniziale.

Moto circolare - Key takeaways

  • Le grandezze caratteristiche del moto circolare uniforme sono velocità tangenziale, velocità angolare, frequenza, periodo e accelerazione centripeta.
  • Il moto circolare uniforme è un moto circolare in cui la velocità angolare è costante.
  • La velocità angolare \(\omega\) è lo spostamento angolare per unità di tempo. Lo spostamento angolare è il numero di radianti di cui un oggetto si è spostato.
  • Il periodo \(T\) nel moto circolare uniforme è il tempo impiegato dal punto materiale a compiere un giro completo della circonferenza che traccia.
  • La frequenza \(f\) indica quanti "giri" completi della circonferenza vengono effettuati per ogni unità di tempo trascorsa.
  • La velocità tangenziale \(v_t\) è diversa da quella angolare. Essendo sempre tangente alla circonferenza percorsa, questa non è costante in verso, ma solo in modulo.
  • L'accelerazione centripeta \(a_c\) è ciò che fa cambiare direzione al punto materiale ed è sempre rivolta verso il centro del moto.
  • La forza centrifuga è una forza apparente e non è una forza effettivamente applicata al corpo.
  • La legge oraria del moto circolare uniforme è \(\theta = \theta_0 + \omega t\).
  • Il moto circolare può anche essere uniformemente accelerato, con un'accelerazione angolare \(\alpha\).

Domande frequenti riguardo Moto circolare

Nel moto circolare uniforme, la velocità angolare è data da ω=2π/T, dove T è il periodo del moto. Invece, la velocità tangenziale può essere calcolata come vt=2πr/T.

I due tipi di moto circolare sono il moto circolare uniforme e il moto circolare uniformemente accelerato.

Con la lettera greca ω si indica la velocità angolare nel moto circolare, ovvero lo spostamento angolare per unità di tempo.

Un moto è circolare quando l'oggetto si muove lungo una traiettoria che può essere descritta da una circonferenza.

Un moto circolare uniforme è caratterizzato da una velocità angolare costante. Inoltre, essendo un moto circolare, il punto materiale si muove lungo una traiettoria che descrive una circonferenza.

60%

degli utenti non supera il quiz di Moto circolare! Tu lo passeresti?

INIZIA IL QUIZ

Discover the right content for your subjects

Iscriviti per sottolineare e prendere appunti. É tutto gratis.